25 93 1 0 0 3 0 2

Ultime domande

Ultime risposte

  • Risposta a: ottocentosei

    io so che l'assistenza tecnica la trovi a partire da queste pagine
     
    https://aiuto.virgilio.it/mail/
     
    in fondo ad ogni pagina trovi il bottone "contattaci" che ti permette di chiedere e ricevere assistenza
  • Risposta a: bollaciao

    Si parte sempre per gradi, specialmente se si è fermi da un po’ come dopo un periodo di infortunio o, magari, un lungo periodo di tempo dove non ci si è potuti allenare. Si parte da lunghe passeggiate di relax. Se fumi o sei leggermente sovrappeso (e quindi vuoi correre per dimagrire), la prima cosa da fare è però una visita medica, così da scongiurare ogni possibile controindicazione all’attività fisica. Ti consigliamo di iniziare con un minimo di 3 uscite settimanali, fino a un massimo di 6, per passeggiare almeno un’oretta o più. Cuffie nelle orecchie, passo veloce e vento fresco sulla faccia. Sarà un vero toccasana! Da qui in poi, dipende tutto dal tuo grado di allenamento. Ti consigliamo di procedere alla fase successiva solo quando tornerai a casa da queste uscite e non ti sentirai affaticare. A questo punto si comincia a correre. In linea generale, il ritmo giusto di corsa è una cosa molto soggettiva e varia di persona in persona. Di norma, vale la regola che dovresti poter correre riuscendo a sostenere una conversazione agevolmente.

    Per la domanda: Come riprendere a correre?
  • Risposta a: anniblu

    Fagli bere sette goccine d'acqua senza mai prendere fiato: con me e le mie figlie ha sempre funzionato!

  • Risposta a: anniblu

    Secondo me un frutto

  • Risposta a: anniblu

    Non solo quelle della provincia di Milano, anche chi si è trasferito da altre regioni

  • Risposta a: magicalauretta1

    In realtà è tutta una bufala.

     

    La salute dell’attuale Hunza è nota per certo. Quella che segue è un’osservazione di oggi. “La gente di Hunza soffre di malnutrizione e di carenze nutrizionali tanto quanto qualsiasi altra remota regione montana dell’Asia meridionale. Sebbene la fede prevalentemente Ismaeli (branca dei musulmani sciiti) sia progressista e relativamente più buona della maggior parte dei loro vicini nelle regioni vicine, dirà a tutti i visitatori che la loro aspettativa di vita è di circa 50 – 60 anni, proprio come qualsiasi altra regione del nord del Pakistan “. La mancanza di risorse lasciò il popolo Hunza in una lotta costante per ottenere il cibo, e l’agricoltura di montagna ai lati della ripida valle rocciosa richiedeva un sacco di duro lavoro. L’apporto calorico era naturalmente basso e mai in abbondanza. Questa combinazione di fattori ha impedito agli abitanti di Hunza di diventare obesi e di evitare le malattie causate da una dieta con un’abbondanza di carboidrati”.

  • Risposta a: spaghetti-gnr

    ciao

  • Risposta a: spaghetti-gnr

    Fare troppo sport non fa bene per il metabolismo

Ultimi commenti