15 44 7 0 0 0 0 0

Ultime domande

Ultime risposte

  • Risposta a: kia.ora

    Non scappare durante la scossa di terremoto ma aspettarne la fine al riparo di un punto solido della casa: angoli delle stanze, vani delle porte, ecc. Verificata poi la solidità delle scale, uscire controllando con attenzione i possibili crolli dall'alto dei tetti (precauzione valida anche se il terremoto vi colpisce mentre siete all'aperto). Dopo il terremoto è necessario evitare che la situazione peggiori a causa di perdite di liquidi o gas infiammabili: quando possibile bisogna subito bloccarne la fuoriuscita evitando anche di utilizzare accendini o altre fiamme libere per fare luce. Tra i consigli preventivi troviamo alcune raccomandazioni a cui spesso non si fa attenzione: posizionare specchi, quadri o latri oggetti pesanti appesi lontani dai punti dove normalmente ci si siede (divani, letti, ecc.). Infine si raccomanda la preparazione di un piano di emergenza famigliare che riassuma tutte le precauzioni e i comportamenti da attuare per essere sempre pronti e preparati (piano che pure comprendere anche altre emergenze, come quelle sanitari e o in caso di incendio).

  • Risposta a: against_law

    Secondo me dicono queste idiozie solo per far parlare sè e per distrarre dai reali problemi.

  • Risposta a: contro_media

    “Finalmente! Martone ha assolutamente ragione. D’altronde non e’ un reato non fare l’universita’. Chi scalda i banchi fino a 28 anni senza fare nient’altro e’ una sfigato. Per fortuna che qualcuno ha avuto il coraggio di dirlo” Fonte: http://www.giornalettismo.com/archives/192315/la-santanche-sta-con-martone/

  • Risposta a: contro_media

    Val di Susa come G8 di Genova: giovane torturato dalla polizia: "ci hanno  detto che ci avrebbero uccisi tutti"Senti tutta la testimonianza di Fabiano Di Bernardino, studente bolognese e attivista del TPO, ricoverato presso il reparto di Traumatologia dell'ospedale CTO di Torino, che racconta l'inaudita serie di viloenze subite dalla Polizia all'interno del cantiere bunker della Maddalena, dopo essere stato fermato durante la manifestazione NO TAV del 3 luglio 2011 in Val di Susa

  • Risposta a: v4vendet

    germogli di soia, per la cronaca, pare che non c'entrino una mazza con il batterio killer... pare che i nostri giornali abbiano solo cannato la traduzione dal tedesco e dall'inglese!!!"Ma sono proprio germogli di SOIA?Ma perché proprio la soia, protagonista anche dei titoli spagnoli?I media tedeschi parlano infatti di generici germogli, Sprossen (esempi: Sprossen sind mögliche Ehec-Quelle e Sprossen könnten Ursache sein), sottolineando che l’azienda che si sospetta all’origine dell’infezione ne produceva 18 tipi diversi; Der Spiegel fa alcuni esempi includendo tra i possibili germogli quelli di fagioli mungo, di ravanelli, di piselli e di lenticchie ma non di soia.I media britannici usano la parola beansprout (anche bean sprout), che in inglese inizialmente indicava soprattutto i germogli di mung bean (fagioli mungo) ma che ora è una descrizione generica per tutti i tipi di germogli.La BBC riporta così la notizia: The beansprouts include adzuki, alfalfa, broccoli, peas, lentils and mung beans, all grown in the nursery for consumption in salads. The Guardian aggiunge anche germogli di ravanello e girasole ma neanche in questo caso la soia.Ho quindi il sospetto che le notizie nei nostri media non provengano da fonti originali tedesche ma da testi in inglese tradotti. Per il riferimento a beansprout probabilmente si è fatto affidamento ai dizionari inglese-italiano che non includono il significato più ampio della parola inglese ma si limitano a registrare il nome con cui in Italia si trovano in commercio i germogli di fagioli mungo (vigna radiata), appunto “germogli di soia”, che però non hanno nulla a che fare con la vera soia (glycine max). Un paio di esempi:Zanichelli:     (alim.) bean sprouts (o bean shoots), germogli di soiaHoepli:     bean sprouts, germogli di soya Riportare la notizia con imprecisione, come hanno fatto i media italiani dando la colpa a un prodotto specifico anziché generico, potrebbe avere un certo impatto. Non oso immaginare la reazione di un produttore di soia che legga questo titolo del Corriere della Sera:FONTEhttp://blog.terminologiaetc.it/2011/06/06/germogli-causa-escherichia-coli/

  • Risposta a: v4vendet

    la Grecia non uscirà mai dalla crisi?!Ti segnalo due articoli interessanti:Speciale Grecia:<<NON ESISTE NESSUNA (ZERO!) POSSIBILITA’ PER LA GRECIA DI USCIRE DALLA CRISI ECONOMICA A MENO CHE: Soluzione 1 (Grecia nell’euro1): L’Europa si fa carico PER INTERO del debito pubblico Greco e gli REGALA altri 100 miliardi di euro per fare le necessarie riforome economiche. I Greci dovrebbero rinunciare quasi completamente alla loro sovranità nazionale e vendere tutte le aziende pubbliche ad imprese europee. Soluzione 2 (Grecia nell’euro2): La Grecia ristruttura fin quasi ad azzerare il suo debito pubblico, l’Europa REGALA (altri 100 miliardi di euro per fare le necessarie riforome economiche. I Greci dovrebbero rinunciare completamente alla loro sovranità nazionale e vendere tutte le aziende pubbliche ad imprese europee. Soluzione 3 (Rinascita dalle ceneri): La Grecia esce immediatamente dall’euro sequestrando tutta la valuta pregiata su cui riesce a mettere le mani ( i cittadini greci sono avvisati..anche in greco) per convertirla in Dracme. Il Debito verrebbe immediatamente disconosciuto oppure convertito in Dracme (o entrambe le cose). Le Dracma si svaluterebbero immediatamente del 30%-50%. Non ci sarebbe bisogno di alcun Regalo da parte dell’europa, la massiccia svalutazione competitiva farebbe ripartire l’economia greca. Corollario1: Il “Regalo” sarebbe fatto attraverso un trasferimento diretto dalle tasche dei cittadini europei al sistema bancario greco ed europeo… Corollario2: In ogni caso per i cittadini greci si apre un periodo di sacrificio estremo, la soluzione 3 ha il solo pregio di ridare una speranza al loro futuro come popolo e nazione.>>Crisi Grecia: default inevitabile ma quando?

  • Risposta a: ianpaolowsky

    ok ci son cascato come una pera... sono il p.irla del villaggio

  • Risposta a: inchemondosiamo

    nube radioattiva e cibo contaminato, stamattina ho letto questo articolo molto interessante Giappone e Iodio 131 radioattivo: 3 mosse per difendersi, in breve NO TONNI NON MANGIATE TONNI E PESCI se NON SIETE CERTISSIMI DELLA LORO PROVENIENZA:Stiamo seguendo gli eventi: i valori di radioattività sono elevati e sono presenti. Il Cesio c'è ed è stato rilevato, quindi la fusione, in qualche modo è presente. C'è la fortuna di avere un vento che sta soffiando verso il Pacifico in direzione Nord-Est (mangeremo tonni radioattivi?) e lo dovrebbe fare per i prossimi 3 giorni, quindi NON C'E' IMMEDIATO PERICOLO PER L'ITALIA, ma questo non ci esime dal seguire con estrema attenzione cosa succederà della caduta delle successive ceneri radioattive. Se nel volgere di qualche giorno il vento girasse, inizieremmo ad avere la striscia di radioattività disegnata sulla Siberia, sulla Russia e poi sull'Europa, con la presenza di Iodio 131 ancora attivo, con conseguenze gravi per tutti.

Ultimi commenti