6 5 0 0 0 0 0 0

Ultime domande

Ultime risposte

  • Risposta a: retorpcogf

    Il vaccino è raccomandato a tutte le persone che corrono il rischio di essere colpite da complicazioni dell’influenza, ossia:
    • persone con età > a 65 anni
    • bambini
    • chi soffre già di patologie croniche dell’apparato respiratorio, cardio-circolatorio e gastrointenale
    • chi soffre di diabete
    • chi soffre di insufficienza renale
    • chi è affetto da epatopatie
    • le donne in gravidanza
    • chiunque abbia un sistema immunitario debilitato a causa di particolari patologie
    A queste persone vanno poi aggiunti i familiari di soggetti ad alto rischio di complicanze, i donatori di sangue e tutti coloro che svolgono un lavoro di primario interesse collettivo come ad esempio medici, infermieri, vigili del fuoco, agenti di polizia etc.
     
    Per le persone considerate a rischio il vaccino è gratuito.
     
     
  • Risposta a: massimics

    La traduzione più corretta è “non si sa mai” anche se con una sfumatura diversa, solitamente usato in negativo per indicare una situazione con diffidenza “maniman c’è la fregatura”
     
     
    1) In senso di timore: Amanamàn o m'aciàppa: temo che mi prenda;
    2) In senso d'ironia o di scherno: Amanamàn che ti no pòsci!: guarda che tu non possa!
    3) Accenna ad un pericolo futuro: Va adaxo che amanamàn ti cazzi: va piano se no potresti cadere
     
    A questa pagina ci sono diverse altre parole e modi di dire del dialetto ligure ben spiegate e anche con il sonoro!
     
     
     
  • Risposta a: retorpcogf

    per capire meglio perche' sono tutti preoccupatissimi ti metto la scala secondo cui sono classificati questo tipo di fenomeni: si chiama Saffir-Simpson ed e' basata sulla velocita' dei venti.

     

    Attualmente, con i venti che soffiano a 150 mph, Laura e' classificato come Uragano di scala 4, appena un passo sotto il massimo. Considera pero' anche che, passando dal mare, dove si trova ora, alla terra, l'uragano di solito perde potenza. speriamo che sia cosi' anche in questo caso

     

  • Risposta a: psicocaccola

    Ti riporto il parere del virologo Fabrizio Pregliasco, dell’università Statale di Milano:

     

    “Per rischiare di contaminarsi dopo aver toccato una busta di prosciutto al supermercato, intanto dovremmo avere la sfortuna che qualcuno ci abbia tossito sopra”

     

    Inoltre Pregliasco aggiunge una rassicurazione, ovvero che il coronavirus “non si trasmette attraverso gli oggetti, almeno non ci sono casi documentati in tal senso, ma è contagiosissimo per la trasmissione interumana”

     

    cioe' si trasmette se si entra a contatto con le goccioline del fiato di una persona infetta

    - ad esempio stando troppo vicino e non mettendo la mascherina e quindi respirando le goccioline

    -  oppure se si portano alla bocca, occhi e naso le mani sporche 

     

    qunindi basta seguire le indicaizoni che gia' conosciamo benissimo, distanziamento sociale e lavarsi le mani spesso!!!

  • Risposta a: apneo

    Il modo giusto sarebbe dal retro (se fosse ben lavorato ossia liscio e semitondo), in modo che lo sfintere si richiuda rapidamente sulla punta spingendola in su.

     

    C'e' un pero': in Italia, non so perché, il retro delle supposte non è affatto liscio ma frastagliato e "tagliuzza", perciò sconsiglio questo tipo di inserimento.

     

    A questo punto conviene inserirle con la punta ma facendo bene attenzione a spingere a fondo in modo da evitare il riflesso di espulsione, sopratutto se il paziente è un bambino

     

     

Ultimi commenti

  • Al momento non ci sono commenti!

    Il Team di GENIO