0 68 10 0 0 0 0 0

Ultime domande

  • Non hai inserito nessuna domanda!

    Il Team di GENIO

Ultime risposte

  • Risposta a: sberlaffo

    Non confondiamo le due cose totalmente scorrelate tra loro:

    Da un lato c'è una rivolta di un paesino dovuta al progetto di costruire una discarica.

    E' una questione locale e specifica.

     

    Dall'altro ci sono stati 10 scioperi generali dall'inizio dell'anno e una infinità di manifestazioni non sempre pacifiche.

    Questo è dovuto alle misure adottate dal Governo greco per far fronte alla crisi economica e finanziaria che stanno passando.

    Questa crisi è dovuta principalmente alla insostenibilità del debito che hanno contratto.

    Le misure adottate si possono facilmente definire "lacrime e sangue" con aumenti di tasse e tagli di spesa e quindi la conseguente contrazione del PIL, la chiusura di diverse aziende e l'incremento della disoccupazione.

     

  • Risposta a: lugg47

    In Italia esiste l'AID (Associazione italiana Dislessia) sul cui sito

    http://www.aiditalia.org

    puoi trovare molte informazioni relative alla dislessia in se, ma anche informazioni riguardo i diritti e le tutele per i ragazzi dislessici e i centri specializzati dove poter ricevere una diagnosi seria di dislessia.

    Si tratta principalmente di una associazione di genotori di figli dislessici, quindi può dare anche aiuto e indicazioni su come gestire il problema.

    Un padre dislessico di figli dislessici.

    Per la domanda: cosa e' la dislessia ?
  • Risposta a: greenstyle

    In effetti, chi riceve spamm spesso sbuffa e quindi immette più CO2 nell'atmosfera contribuendo così all'aumento dei gas serra ....

    Esagero un po'?

    Forse si :-)))))))

  • Risposta a: librumorti

    Suppongo tu faccia riferimento a quella bazecola di quasi 1700 miliardi di Euro che grava sulle spalle degli italiani.

    E' nato e cresciuto tra la fine degli anni '70 e gli anni '80.

    Il come è abbastanza ovvio, spendendo molti di più di quanto non fosse sopportabile.

  • Risposta a: scalille

    Mah, visto che parte, credi sia il caso di regalarle fiori o piante che non potrà curare?Risatona

  • Risposta a: kribbio79

    Tanto per cominciare si dovrebbe dire che è scorretto dire si tratti di impunità o anche di immunità, si tratta di sospensione dei procedimenti durante il periodo in cui sono in carica.

    Sospensione che per altro sospende anche i tempi di prescrizione, per cui, decaduti dalla carica i procedimenti riprendono come se non fosse passato alcun tempo.

    In secondo luogo, si deve dire che la legge prevede comunque dei meccanismi con i quali le più alte cariche dello stato possano venire comunque processsati, solo che si deve passare per le Camere.

     

    In terzo luogo c'è da dire che si tratta di un meccanismo previsto in quasi tutte le democrazie del mondo, giusto un esempio: Chirac, indagato per malversazione quando era sindaco di Parigi, è stato Presidente di Francia per 12 anni e solo ora è stato messo sotto processo.

     

    La ragione per cui nelle democrazie esiste una regola del genere è semplice e deriva proprio dal fatto che il sistema giudiziario debba essere indipendente da quello politico, si deve impedire che un singolo esponente del sistema giudiziario possa influenzare in qualsiasi modo il governo dell'intero paese.

    Infine, non dimentichiamo che l'immunità, addirittura per tutti i parlamentari, è indicata nella costituzione ed è stata parzialmente abbrogata durante la bufera di mani pulite.

  • Risposta a: conlatesta

    Scusa Gregorio, ma su quale base affermi questo?

    Non ci sono due modelli delle variazioni climatiche che concordino tra loro neanche a livello globale, tanto meno a livello locale dove al momento non si arriva a previsioni affidabili più lunghe di 15 giorni.

    NOn mi sembra il caso di fare affermazioni del tutto non provate.

    La migliore risposta che si può dare è:

    Anche ammesso che ci siano realmente variazioni del clima globale, cosa che non è unanimamente accettata dagli studiosi, nessuno è in grado di dire quali potranno essere le conseguenze specifiche in Italia.

  • Risposta a: comesonofescion

    E' aperto.

    http://www.gardaland.it/it/orari/

     

    Per la domanda: Gardaland a Pasqua?

Ultimi commenti

  • Commento a: pedromappa60

    Hai ragione, lo stato dovrebbe alzare le coste, spostare i paesi in collina, oppure andare a 3500 metri di profondità a fare i lavori di consolidamento delle pendici del vulcano rovinate dalla incuria dell'Uomo ...

    Ah.. non è stato l'Uomo? davvero?????

    Come? non si possono alzare le coste e neanche spostare i paesi in collina? davvero?????

     

    Michele

     

     

  • Commento a: pippo014

    Il fatto che Berlusconi, come per altro tutti gli uomini politici, pensino e sperino di restare in carca fino alla morte non ha nulla di strano ne di pericoloso.

    I poteri possono essere revocati ad ogni tornata elettorale, non da te o da me come singolo, ovviamente e per fortuna, ma dal elettorato nel suo insieme, quindi non mi sembra tu chieda troppo, chiedi solo qualcosa che hai già.

  • Commento a: max1237

    x Max

    Quello che dici è verissimo, ma tautologico.

    La necessità di emettere titoli era dovuta alla esplosione delle spese pubbliche.

    La necessità di emetterli con tassi del genere era dovuta ad una inflazione che arrivava al 20% e alla esigenza di renderli "appetibili" confronto altri investimenti.

     

    In pratica, per finanziare politiche di puro spreco (giusto un esempio, le famose baby pensioni dei dipendenti pubblici) si è generato un debito spaventoso e si sono anche drenati gli investimenti nelle aziende impedendone di fatto la crescita.

     

  • Commento a: giuliana93

    A Giuliana,

    Sbagli, la stessa Costituzione prevede le modalità e i termini per le sue stesse modifiche.

    L'unica parte della Costituzione che non può essere soggetto di revisione è la forma repubblicana dello stato, tutto il resto, con i modi descritti dall'articolo 138 sono modificabili.

    Quindi non ci sarebbe nulla di male a chiedere modifiche o revisioni.

    Sezione II

    Revisione della Costituzione. Leggi costituzionali.

     

     

    Art. 138.

    Le leggi di revisione della Costituzione e le altre leggi costituzionali sono adottate da ciascuna Camera con due successive deliberazioni ad intervallo non minore di tre mesi, e sono approvate a maggioranza assoluta dei componenti di ciascuna Camera nella seconda votazione.

    Le leggi stesse sono sottoposte a referendum popolare quando, entro tre mesi dalla loro pubblicazione, ne facciano domanda un quinto dei membri di una Camera o cinquecentomila elettori o cinque Consigli regionali. La legge sottoposta a referendum non è promulgata, se non è approvata dalla maggioranza dei voti validi.

    Non si fa luogo a referendum se la legge è stata approvata nella seconda votazione da ciascuna delle Camere a maggioranza di due terzi dei suoi componenti.

     

    Art. 139.

    La forma repubblicana non può essere oggetto di revisione costituzionale.

  • Commento a: fabioold

    Ovviamente no, anzi, il "bello" dell'aereo è che in caso di incidente c'è la quasi certezza di morte.

  • Commento a: spany56

    Si, secondo la proposta, lo stipendio verrà trattenuto e il datore di lavoro dovrà versarlo raddoppiato ad un fondo sociale apposito.

    L'intento è di rendere lo sciopero virtuale una cosa seria per il lavoratore, un "danno" per il datore di lavoro ma salvaguardando gli utenti.

    E' un genere di sciopero che è già usato in vari paesi.

  • Commento a: herpesmedia

    Riporto un brano del articolo linkato da Herpesmedia sottolineando alcune parti e ricordando che è tratto dal sito "www.omeopatianet.it" (certo non sfavorevole alla omeopatia):

    ha concluso che: tutti i trial di "maggiore qualita'" hanno dato risultati a favore dell'omeopatia; se alcuni trial hanno dimostrato che l'omeopatia funziona in alcuni casi, e in altri non da' alcun risultato, significa che non c'e' effetto placebo; infine ci sono troppi dubbi sulla chiarezza degli studi analizzati. In pratica, ci sono "evidenze deboli di un effetto specifico dei rimedi omeopatici, ma ci sono forti elementi di prova sugli effetti specifici degli interventi convenzionali". Ma, secondo i ricercatori, questo non significa che bisogna interpretare queste conclusioni come "la fine dell'omeopatia" in quanto solo placebo. Al contrario, ma le conclusioni dello studio dimostrerebbero che l'omeopatia funziona, anche se lievemente, in alcuni casi.

    Se questo è il massimo della "dimostrazione" della validità della omeopatia, credo sia lecito avere qualche serio dubbio.

    Esiste poi un altro punto importante e ovvero le basi teoriche.

    Come è noto omeopatia significa curare con il simile, ovvero somministrare un principio attivo che nella persona sana provoca sintomi simili alla malattia.

    Quindi, al di la della velidità dell'idea di curare con qualcosa che provoca il medesimo sintomo che non è per nulla chiaro da dove provenga (a parte un principio filosofico di Ippocrate), è interessante il fatto che non ci sia nessun interesse sulle cause reali della malatia stessa, solo sul sintomo.

    Quello che invece è sicuramente interessante nel approccio omeopatico, ma che nulla ha a che vedere con la validtà dei medicinali omeopatici in se, è l'approccio olistico alla persona, ovvero la visione del "malato" come un insieme unico e inscindibile di corpo e mente, come tale si deve curare nel suo insieme e non come un aggregato di organi separabili e curabili separatamente.

  • Commento a: bryh

    Bryh,

    Nulla da eccepire, se non la logica.

    E' il numero stesso delle intercettazione che dovrebbe porre qualche questione, ma questo l'ho già detto.

    Quello che invece mi pare abberrante è quell tuo "non compete all'uomo della strada ..." .

    A chi altri dovrebbe competere se non al Popolo italiano.

    Ti ricordo che qualsiasi Giudice agisce "In nome del Popolo italiano", ovvero di tutti noi uomini della strada e quindi è a noi, a tutti noi, che compete valutare i limiti e le prerogative dei giudici.

    Questo lo facciamo esercitando il diritto di voto, ovvero eleggendo nostri rappresentanti che legiferando pongano in essere quei limiti e quelle prerogative.

    Una ultima cosa, che spero prima o poi venga messa in essere, il Giudice sia responsabile delle sue azioni e paghi in prima persona per i suoi errori.

    In ogni caso, nessuno si oppone alle intercettazioni tout court, la discussione verte sulle limitazioni che le intercettazioni debbono avere per essere riportate in un alveo di normale necessità investigativa.