8 18 0 0 0 0 0 0

Ultime domande

Ultime risposte

  • Risposta a: pepperepe2

    è stato ucciso da un se stesso futuro che ha visto il futuro e ha detto: meglio se sparisco prima. è tornato indietro e s'è fatto fuori.

  • Risposta a: the-giver

    La Nimesulide può provocare gravi effetti a livello epatico, con aumento delle attività delle aminotransferasi sieriche, necrosi epatocellulare e/o colestasi intraepatica. La Nimesulide può anche causare epatotossicità idiosincratica.Nel periodo 1998-2002 erano giunti alla National Agency for Medicines ( NAM ) finlandese, 109 segnalazioni di sospette reazioni avverse, per il 60% a carico del fegato. Due pazienti furono sottoposti a trapianto di fegato ed un paziente morì. Il 27% dei casi della reazione epatica era insorto entro 7 giorni dall'inizio del trattamento.

  • Risposta a: pretzel81

    uniamolo anche al fatto che ormai per qualsiasi cosa ci propinano un antibiotico e che l’utilizzo spropositato, anche per la cura di malattie come il raffreddore, ha portato a una mutazione di molte forme di vita batteriche, anche le più comuni, divenute ormai resistenti agli antibiotici stessi.

    Come la maggior parte degli organismi viventi, sopravvivono quelli in grado di adattarsi meglio all’ambiente e alle avversità che lo compongono e anche un bambino sa che i batteri sono gli organismi più resistenti da che il mondo esiste!

    Già nel 1999 negli Stati Uniti si è registrato il primo caso di una mutazione del diffusissimo e pericoloso stafilococco aureus, il quale ha sviluppato un nuovo ceppo resistente alla meticillina e e all’oxacillina, tanto da essere denominato MRSA (Methicillin-resistant Staphylococcus aureus).

    Anche altri batteri hanno sviluppato mutazioni pericolose, come lo streptococco, o l’escherichia coli, la cui mutazione genetica nel 2011 ha causato molteplici vittime soprattutto in Germania.

    Ad oggi sono sempre di più i batteri che non reagiscono a nessun farmaco. Queste forme di vita vengono denominate superbatteri, per la loro capacità di produrre enzimi in grado di rendere inattivi i farmaci antimicrobici.

     

     

     

     

  • Risposta a: port-land

    La Nasa assicura che è troppo piccolo per rappresentare una minaccia anche se dovesse entrare in collisione con il nostro pianeta:

     

    "le probabilità che l’asteroide impatti la Terra, però, – rassicura la Nasa – sono nulle. Bx 34 è una roccia delle dimensioni di un autobus, lunga circa 11 metri, troppo piccola per costituire una minaccia per il nostro pianeta. “Non riuscirebbe a passare nella nostra atmosfera, se ci provasse”, hanno affermato su Twitter gli scienziati dell’agenzia spaziale americana che sorvegliano il corpo celeste. La Luna ruota intorno alla Terra ad una distanza di 386mila chilometri, 2012 Bx 34 precisamente passerà ad una distanza pari al 17% di quella che ci separa dal satellite." http://www.giornalettismo.com/archives/193605/lasteroide-che-sta-per-sfiorare-la-terra/

     

    Qui puoi vedere un video che indica la posizione dell'asteroide rispetto alla Terra e alla Luna

     

  • Risposta a: satirycom

    è proprio così, noi tutti intenti a prevedere il futuro di tassisti e farmacisti e intanto...

    carceri private = stanze di lusso per i "carcerati speciali"

    il testo recita:

     "al fine di assicurare il perseguimento dell’equilibrio economico-finanziario dell’investimento, al concessionario è riconosciuta, a titolo di prezzo, una tariffa per la gestione dell’infrastruttura e per i servizi connessi, ad esclusione della custodia.

    Questo significa che la gestione carceraria, escluse le guardie, è affidata a privati imprenditori, con infiltrazioni mafiose a tutti i livelli ed in special modo nell’edilizia. Le carceri saranno gestite dai delinquenti di serie A, naturalmente, perché quelli di serie B saranno il “prodotto”, ovvero coloro su cui si farà business. Un tot a carcerato. E il carcere, naturalmente, dovrà essere sempre pieno altrimenti non conviene: non buttate più cartacce per terra, mi raccomando.http://www.futurolibero.it/?p=5002

  • Risposta a: ufology

    L'austerity E' una beffa. Ho letto quello che ha scritto Krugman (economista premio Nobel, non il primo che passa) un paio di sett fa sulle pagine di repubblica:

    Il momento giusto per l'austerità al Tesoro è l'espansione, non la recessione”così dichiarò nel 1937 John Maynard Keynes. Tagliare la spesa pubblica in un'economia depressa deprime ancor più l'economia. Per l'austerità si dovrebbe attendere che sia già ben in corso una forte ripresa.

    Nazioni europee come la Grecia e l'Irlanda costrette a imporre una draconiana austerità fiscale come presupposto per ottenere prestiti d'emergenza. Entrambi questi paesi hanno subito recessioni economiche di considerevole entità, equiparabile alla Grande Depressione, e un calo a doppia cifra del rispettivo Pil.

     

    Sono in molti a pensare che l'austerità sia una grande ... bestialità.

    Il rigore rischia di creare un circolo vizioso dal quale anche la stessa Germania, pur in presenza di solidi fondamentali, non ne rimarrebbe immune, come del resto dimostrano gli ultimi dati secondo cui anche Berlino nel 2012 è a rischio recessione. L’Europa dell’asse franco – tedesco appariva un anacronismo. Quella controllata dalla sola Germania non ha invece futuro e sembra destinata al peggiore dei fallimenti.

     

    Ci chiedono sacrifici ma sbagliano. Per chi stanno lavorando allora Monti&co? Non per il nostro bene comune di sicuro!

  • Risposta a: pretzel81

    chissà pretzel! ho ritrovato questo servizio di Piazza Pulita (La7) di novembre che parlava di "delocalizzare legalmente i risparmi in Svizzera"

    ovviamente quello della svizzera sembra il suggerimento più gettonato, leggo anche in un'intervista a Stefano Bassi (quello del Grande Bluff per capirci) “Bisogna portare legalmente i propri risparmi all’estero per esempio aprendo conti correnti in Svizzera o investendo nel settore immobiliare tedesco, brasiliano o canadese che offrono ottime opportunità di acquisto”

     e per chi non può andare al'estero ad investire “è possibile andare in banca e comprare valuta straniera da tenere in casa o in una cassetta di sicurezza. Se l’euro sopravvive bisogna mettere in conto una perdita anche del 10% ma questi costi vanno considerati come una polizza assicurativa da pagare per proteggersi contro l’ipotesi di un crack dell’euro”.

    evitare il mercato azionario e i titoli di Stato. Vincolare i propri soldi per lunghe scadenze è una follia. Tenere tutti i propri risparmi in banca può essere rischioso perciò bisognerebbe investire anche su asset fisici e tenere liquidità in casa. La crisi argentina ha dimostrato che quando una valuta collassa i conti correnti vengono bloccati e prima che la situazione torni a normalizzarsi possono occorrere anche un paio di anni.

    Per investire informati non è possibile fare alcuna previsione di una qualche attendibilità. Le conseguenze sono semplicemente incalcolabili. http://investire.aduc.it/lettera/crollo+dell+euro_237515.php  "A nostro avviso, tutte le operazioni che si possono fare ipotizzare oggi (comprare oro, franchi svizzeri, ecc.) hanno molta più probabilità di risolversi in danni che non in vantaggi"

  • Risposta a: pretzel81

    quelle della manovra sono misure di austerità che spingono la gente alla miseria! Guardate questo video, siamo marionette nelle mani dei "cospiratori centrali":

    Leggete il saggio di Paolo Barnard "Il più grande crimine" (http://www.paolobarnard.info/docs/ilpiugrandecrimine2011.pdf ) fa capire perché siamo in crisi e perchè per gli stati debbano possedere una moneta sovrana, la parte su mondo del lavoro e occupazione è a dir poco inquietante

Ultimi commenti

  • Al momento non ci sono commenti!

    Il Team di GENIO