13 15 4 0 0 0 0 0

Ultime domande

Ultime risposte

  • Risposta a: shangrilax

    Premesso che sì, noi donne siamo decisamente troppo cerebrali - ma prima ti ci abitui meglio è, :) è anche vero che il sesso stimola le endorfine, sostanze chimiche paragonabili all'oppio prodotte dal cervello e dotate di una potente attività analgesica ed eccitante. Dopo questo naturale eccitamento è solo naturale che il tuo corpo si rilassi all'improvviso e liberi eventuali stati d'ansia e nervosismo accumulati in precedenza. Ecco perché alcuni piangono, alcuni ridono, alcuni provano semplicemente un gran senso di sollievo. Tutto nella norma. Stai tranquilla. Ciao!

  • Risposta a: dextermorg

    1. 22 maggio 1960 in Cile, a Valdivia nella zona di Antofagasta si verificò un terremoto di magnitudo 9.5 che scatenò un gigantesco tsunami con onde alte 25 metri!!
    2. Il 28 marzo 1964 l'Alaska viene colpita da un terremoto di magnitudo 9.2. Lo tsunami sprigionato raggiunse le coste della California
    3. Sumatra, 26 dicembre 2004, magnitudo 9.1. Il bilancio è disastroso: si contano oltre 200.000 vittime
    4. Il 4° terremoto a Kamčatka, in Russia il 4 novembre 1952 per quanto devastante (magnitudo 9.0) non provocò alcuna vittima.
    5. Sendai, Giappone. L'11 marzo 2011 il terremoto di magnitudo 8.9-9.0 sconvolge l'isola. Si contano diverse migliaia di vittime e, cosa ancor peggiore, si temono le conseguenze devastanti di un disastro nucleare..... Leggete qui e qui, "Si aggrava il bilancio delle vittime" (Corriere)La dispersione della nube radioattiva: il grafico
    6. Il 31 gennaio 1906. Un terremoto di magnitudo 8.8 sconvolge Ecuador e Colombia
    7. Costa di Maule, Cile, 27 febbraio 201, magnitudo 8.8
    8. Sumatra, Indonesia - 28 marzo 2005 - magnitudo 8.7
    9. Un sisma di magnitudo 8.7 colpisce le Isole Rat, ancora in Alaska. E' il 1965
    10. Assam e Tibet 15 agosto 1950 - magnitudo 8.6

    Elaborazione dati da greenme

  • Risposta a: pollock31

    Io la salsa agrodolce la faccio così:

    • 100 ml di aceto
    • 100 ml di acqua
    • 5 cucchiai di salsa di soia
    • sale
    • 500 ml di passata pomodori
    • 1 cucchiaio di farina (setacciata)
    • 150 grammi di zucchero

    Per le polpette, puoi seguire un qualsiasi procedimento, a patto che siano più semplici possibili. La stessa salsa la uso per condire anche il pollo fritto. E' davvero buonissima. Provala. Ciao!

  • Risposta a: pollock31

    Beh, Michael Jackson si circondava solo di bambini dalla pelle molto chiara e dall'aspetto decisamente "ariano", ai quali regalava spesso indumenti militari simili ai suoi... Mi vengono in mente Macaulay Culkin, di Mamma ho perso l'aereo, e Corey Feldman, la star dei Goonies, tra tutti. Come se, in realtà, oltre a essere un eterno Peter Pan, Michael non volesse circondarsi che da ragazzini efebi e pallidissimi...

  • Risposta a: dextermorg

    Prova a cospargere la macchia con del sale grosso, lasciando agire per mezz'ora circa. Risciacqua con una spugnetta e dell'acqua calda, poco a poco, senza sfregare eccessivamente per non rovinare il tessuto. Quando avrai rimosso il sale, versa del sapone per piatti o del sapone di marsiglia in una bacinella e sfrega gentilmente la macchia. Se non è sufficiente, ripeti l'operazione finché non sarà sparita del tutto.

  • Risposta a: skylineit

    Io le faccio con broccoli e zafferano, variante delle orecchiette alle cime di rapa, e sono davvero gustosissime.

    INGREDIENTIPrendi un ciuffetto di broccolo verde, come questo:

    Un pacco da 250 gr di orecchiette fresche2 spicchi d'aglio2 bustine di zafferanoolio extra vergine di olivasalepeperoncinopepeparmigiano

    Segui la preparazione classica. Soffrittino con una spruzzatina di zafferano (l'altra busta diluiscila nell'acqua di cottura). Aggiungi la verdura, saltala in padella e condisci con del parmigiano grattuggiato.

    Mi raccomando solo una cosa, nella preparazione di un piatto a base di orecchiette, devi assolutamente usare la pasta fresca!! Anzi, se vuoi aggiungere un grado di difficoltà, prova a farla tu. Questa una videopresentazione della preparazione.

  • Risposta a: wizardofozzy

    La storia del baccalà alla vicentina risale a molti secoli fa ed è tanto interessante quanto il suo sapore. Se ti piace particolarmente, ecco una ricetta davvero buona, che uso ormai da tempo e che non ha mai deluso né me né i miei ospiti :)

    Tieni in ammollo il baccalà in acqua fredda per un paio di giorni, cambiando l’acqua ogni 3-4 ore. Passato questo tempo, dopo averlo spinato e tolto la pelle, taglialo a grossi dadini e infarinalo da ambo i lati.

    Rosola due cipolle rosse tagliate finemente in un altro tegame su un letto di olio extravergine d'oliva, agguingi 4 acciughe sott'olio (anche quelle nel barattolino di vetro sono perfette, ma in questo caso mettine qualcuna in più) e cuoci a fiamma viva per qualche minuto.

    Aggiungi il baccalà infarinato e ricopri con del latte (meglio se pastorizzato - è un po' più leggero), parmigiano grattugiato e prezzemolo tritato. Sala, pepa e porta a cottura a fiamma bassa per un paio d'ore, assicurandoti che il baccalà non si bruci. Poi fammi sapere!!

    Per una perfetta presentazione, servilo con la polenta!

  • Risposta a: parchitina

    L'importanza della musica per lo sviluppo dell'intelligenza è indubbio.

    In particolare, la musica diventa ancor più fondamentale durante la gravidanza proprio grazie all'estrema sonorità dell’ambiente uterino, dove ogni piccolo rumore di fondo comporta un nuovo suono, un ritmo e un movimento che contribuiscono enormemente allo sviluppo del feto.

    L’ascolto della musica nel periodo prenatale aiuta l’instaurarsi della comunicazione tra mamma e figlio, anche alla luce del fatto che il loro è gia un dialogo basato sulla musica, diciamo, perché i loro “discorsi” sono caratterizzati da un ritmo, una intensità, una durata e un tono.

    Se ci pensi, le prime esperienze sonore del bimbo sono rappresentate soltanto: • dal battito del cuore materno • dal timbro e dall’intonazione della voce della mamma • dalle sonorità e dai rumori presenti nell’ ambiente quotidiano • dal movimento del passo materno E' chiaro quindi che, in questo contesto, ogni stimolo nuovo, ogni sollecitazione permette al piccolo non solo di sentirsi desiderato e amato ma anche stimolato ad ascoltare e a creare un legame indissolubile con la mamma.

Ultimi commenti