14 528 27 0 0 15 0 0

Ultime domande

Ultime risposte

  • Risposta a: manhaus

    Innanzitutto gli antibiotici vanno somministrati solo ed unicamente quando  il paziente è affetto da un attacco batterico e non virale (sia bambini che uomini). Tralasciando questa regola che il pediatra dovrebbe conoscere molto bene proseguo con la risposta.

    L'azione di un antibiotico si divide in: "azione batteriostatica" ed "azione battericida". L'azone batteriostatica è al colmine quando la crescita del ceppo batterico è uguale a zero, mentre l'azione battericida avviene quando l'antibiotico debella il ceppo batterico. Solitamente il paziente inizia a stare meglio quando è in corso l'azione batteriostatica, difatto lo stesso medico dice di continuare la terapia sino al termine anche se i sintomi infiammatori sono meno marcati. Ma il paziente non è guarito in maniera definitiva.

    Tua sorella la confezione la finisce oppure smette quando il bimbo sta meglio? ... se ha smesso avrà delle ricadute, ma appena terminata la somministrazione del farmaco  e non quando sarà grande.

    Le prime molecole di antibiotico ad ampio spettro, debellavano il ceppo batterico ma indebolivano la bariera naurale degli anticorpi, in più i batteri con il tempo generavano delle sostanze inibenti l'antibiotico  somministrato (betalattamasi). Con la nascita della famiglia di antibiotici detta macrolidi è diminuita la distruzione di anticorpi ed in più i batteri non riescono a diffendersi.

    Il problema è se il pediatra per non ricevere mille telefonate dalle madri o per svuotare l'ambulatorio o l'agenda prescriva antibiotici anche quando non è strettamente necessario. ... Per testare il medico, consiglia a tua sorella di portarlo anche da un altro pediatra e confrontare le due diagnosi e soprattutto le due terapie. ... ciao

  • Risposta a: ilprofeta11

    profeta11 ... la suberbia ti ha annebbiato la mente ... ORA SEI TU L'UNICO PROFETA E DIO SI E' RIVELATO SOLO A TE??? ... STORICAMENTE NON MI RISULTA.

    Con te è sempre la stessa storia: "Introduci un ragionamento e poi ti areni sulle solite argomentazioni" ... ma riesci ad essere almeno coerente con le domande che poni?

    Una cosa è certa: DATO CHE NON HAI ARGOMENTAZIONI CHE POSSANO INDURRE AD UN RAGIONAMENTO E DI QUELLE POCHE NON PRESENTI PROVE CHE CONFERMANO QUELLO CHE ASSERISCI, E' SICURO CHE SEI IL SOLO ... MA PERCHE' TI HANNO ABBANDONATO TUTTI E CLASSIFICATO COME PAZZO ... ANCHE I TUOI COLLEGHI IN MENSA TI PRENDONO PER I FONDELLI.

    Accetta cordialmente un mio consiglio: "Perchè non provi a farti martirizzare, magari il tuo messaggio arriverà più chiaro".

  • Risposta a: ilprofeta11

    profeta11 ... Ma oltre a te, quanti superbi, presuntuosi ed idoti che non spete nemmemo colloquiare civilmente senza aggredire, sono stati baciati in fronte dal tuo dio??? Ma come ti permetti di rispondere a qualsiasi persona in questa comunity con  espressioni tipo:"tu non sei capace di un discorso serio nemmeno se ti pagassi" oppure "non capisci nemmeno a dirtelo" oppure "Tu non rifletti per cui non ti puoi nemmeno rendere conto che quello che mi dici". ... PENSI DI OTTENERE PARECCHI CONSENSI RIVOLGENDOTI ALLE ALTRE PERSONE IN QUESTO MODO.

    Presumo che il tuo comportamento così ostico, sia dettato da un'aridità di argomentazioni e (nota la rima baciata), il continuare a tirare in ballo il demonio e l'egoisto, a noi ha un pochino rotto i maroni.

    Rileggiti e "vola basso" ...

  • Risposta a: jo157

    I tuoi predecessori come hanno fatto??? ... Se vuoi trasmettere il tuo messaggio rapidamente e renderlo disponibile a tutti devi utilizzare i mezzi di comunicazione da te elencati.

  • Risposta a: ilprofeta11

    profeta11 ... te lo dico e spiego educatamente un'ultima volta:

    Le tue espressioni: "Come te lo devo dire!" e "Usa la riflessione!", utilizzale con i tuoi simili o con gli altri amici del tuo dio (non penserai di essere l'unico). Le suddette espressioni utilizzate con un interlocutore che assolutamente non si conosce, sono un'indicatore della tua cattiva fade e della tua superbia. Ti faccio notare tra l'altro, che tu non mi stai dando dell'ignorante (cioè che ignoro), ma dell'imbecille (cioè che non comprendo). ... Ti sei mai chiesto se a qualcuno interessa "comprendere" il messaggio che ostinatamente continui a rifilare a questa platea? oppure Non hai mai pensato al fatto che gli altri amici di genio ed io, rispondiano ai tuoi post unicamente come un divertente passatempo in un ottica di cazzeggio generale?

    profeta11 ...  io a differenza tua, ho ben due amici importanti che sono: Batman & Robin e tra poco conoscerò anche Supermen e l'Uomo ragno. Anche loro (Batman & Robin) mi hanno detto delle cose: "le vuoi conoscere?".

  • Risposta a: ilprofeta11

    profeta11 ... e si è dovuto scomodare il tuo dio per permetterti di controbattere i tuoi colleghi??? ...

    I generi alimentari sono stati creati per il sostentamento organico (cioè nutrire) ... NON E' PECCATO IN NESSUNA RELIGIONE NUTRIRSI, MA IL PECCATO E' L'ECCESSO. Dio ha creato il creato (scusa il gioco di parole), per i suoi figli.

    In risposta alla tua domanda su chi butterei fuori dal mio orto, personalmente prima di decidere chiederei il "perchè" quei soggetti sono nel mio orto e ti assicuro che non avrei nessuna pietà per l'amico, se la motivazione che mi viene data non mi garbasse.

    Dove sta scritto che io sono "l'estraneo" e tu sei "il miglior amico" di dio e soprattutto chi ha detto che tu hai le chiavi dell'orto di dio??? ... PECCHI SEMPRE DI SUPERBIA. ... Non è che sul mezzo pubblico tu hai confuso il controllore dei biglietti per il tuo dio?

    ps. il cane "il miglior amico" dell'uomo ... il profeta11 il miglior amico di dio ... meditate gente, meditate ... HAHAHAHAH

  • Risposta a: blogmasterpg

    A Bergamo si dice: "Impiccare" o "Bigiare". ... Sorridente (belli ma ormai vecchi ricordi)

  • Risposta a: indie1

    Ci sono molti modi per dirlo, ma esiste solo un modo per essere innamorati e dimostrare di esserlo.

    In ogni caso è fondamentale che la persona che se lo sente dire, riconosca la veridicità dell'affermazione nelle azioni dell'altro.

    Per la domanda: Come???????

Ultimi commenti