33 67 41 1 0 5 0 0

Ultime domande

Ultime risposte

  • Risposta a: kia.ora

    DURANTE IL TERREMOTO:

    - Se sei in luogo chiuso cerca riparo nel vano di una porta inserita in un muro portante (quelli più spessi) o sotto una trave. Ti può proteggere da eventuali crolli

    - Riparati sotto un tavolo. È pericoloso stare vicino ai mobili, oggetti pesanti e vetri che potrebbero caderti addosso

    - Non precipitarti verso le scale e non usare l’ascensore. Talvolta le scale sono la parte più debole dell’edificio e l’ascensore può bloccarsi e impedirti di uscire

    - Se sei in auto, non sostare in prossimità di ponti, di terreni franosi o di spiagge. Potrebbero lesionarsi o crollare o essere investiti da onde di tsunami

    - Se sei all’aperto, allontanati da costruzioni e linee elettriche. Potrebbero crollare

    - Stà lontano da impianti industriali e linee elettriche. È possibile che si verifichino incidenti

    - Stà lontano dai bordi dei laghi e dalle spiagge marine. Si possono verificare onde di tsunami

    - Evita di andare in giro a curiosare e raggiungi le aree di attesa individuate dal piano di emergenza comunale. Bisogna evitare di avvicinarsi ai pericoli

    - Evita di usare il telefono e l’automobile. È necessario lasciare le linee telefoniche e le strade libere per non intralciare i soccorsi Dopo il terremoto

    - Assicurati dello stato di salute delle persone attorno a te. Così aiuti chi si trova in difficoltà ed agevoli l’opera di soccorso

    - Non cercare di muovere persone ferite gravemente. Potresti aggravare le loro condizioni

    - Esci con prudenza indossando le scarpe. In strada potresti ferirti con vetri rotti e calcinacci

    - Raggiungi uno spazio aperto, lontano da edifici e da strutture pericolanti. Potrebbero caderti addosso

     

    DOPO IL TERREMOTO:

    - Assicurati dello stato di salute delle persone attorno a te. Così aiuti chi si trova in difficoltà ed agevoli l’opera di soccorso

    - Non cercare di muovere persone ferite gravemente. Potresti aggravare le loro condizioni

    - Esci con prudenza indossando le scarpe. In strada potresti ferirti con vetri rotti e calcinacci

    - Raggiungi uno spazio aperto, lontano da edifici e da strutture pericolanti. Potrebbero caderti addosso Fonte: http://www.6aprile.it/conoscere-i-terremoti/articoli-tecnici/2012/05/29/cosa-fare-in-caso-di-terremoto-la-guida-della-protezione-civile-emilia-romagna.html

  • Risposta a: v4vendet

    Pareggio di bilancio, come obbligo costituzionale, significa che lo Stato è obbligato dal Fiscal Compact (trattato europeo, intergovernativo) a spendere 100 per i suoi cittadini per poi riprendersi in toto questi 100 soldi (attraverso le tasse). In pratica a noi cittadini non rimane niente, zero soldi.

     

    "L’unica parte della cosiddetta ricchezza nazionale che passi effettivamente in possesso collettivo dei popoli moderni è il loro debito pubblico." (Karl Marx)

     

    Lo Stato smetterà per sempre di darci più soldi di quello che ci tassa. E lo inseriranno nella nostra Costituzione assieme ai diritti inalienabili della nostra carta.

     

    Il bene collettivo, l'interesse pubblico e il concetto di Stato vengono definitivamente scardinati da una norma che lascia carta bianca ai mercati. I quali decideranno le nostre sorti, gettandoci nella miseria e nell'abbrutimento di una vita priva di dignità.

     

    La manipolazione mediatica che ci induce a vedere il debito pubblico come la causa di tutti i nostri mali, non deve attecchire: il Giappone ha oggi un rapporto debito-PIL del 200%, la Gran Bretagna ha in pratica lo stesso deficit di bilancio della Grecia. Ma perché per loro non è un problema? Si dà il caso che Giappone e Gran Bretagna abbiano la sovranità monetaria, ovvero: GOVERNI IN GRADO DI EMETTERE MONETA per risanare la loro economia. L’Italia con moneta sovrana degli anni ‘70/80 aveva un debito alto non era ancora percepito come un problema. In un Paese a moneta sovrana il debito di una nazione è semplicemente la ricchezza dei cittadini.

     

    Ti consiglio di leggerti questi due articoli, ti fanno capire bene la questione del debito pubblico:

     

    Euro e cenno storici sul debito pubblico italiano

    "‎Dalla metà degli anni ’70, iniziò una campagna politica e mediatica (che continua ancora oggi) che addossava alla spesa sociale e alle conquiste delle lotte operaie la “colpa” del crescente Debito Pubblico, che poi portò all’abolizione della scala mobile (1985) e alle riforme pensionistiche."

     

    Il debito pubblico italiano nel dopoguerra (Dati, tabelle, figure e una "scoperta")

    "Con questa sola aritmetica elementare si fanno però delle scoperte interessanti. Chi avrà la pazienza di seguire questi quattro conti (su un po' di dati di dominio pubblico) scoprirà, ad esempio, che vi si trova la risposta alla seguente domanda: "ma il nostro debito pubblico, così alto, da cosa dipende?" Chi, o cosa, lo ha fatto alzare in questo modo? Sappiamo bene qual è la risposta che va di moda: le ruberie, gli sprechi o il costoso stato sociale. C'è chi calca la mano su qualcuna di queste voci, e meno sulle altre, chi le considera un tutt'uno, chi salva lo stato sociale e se la piglia con la “Milano da bere” (quella di Craxi), ecc. ecc.  

  • Risposta a: v4vendet

    Anonymous attacca il sito del cattolico Lorenzo Ria http://www.lorenzoria.it/biografia.asp La canzone sottofondo, da paura  

     

     

     

     

     

     

     

     

  • Risposta a: v4vendet

    Mauro Bottarelli nel suo articolo presume solamente che stiano vendendo l'oro, ma di fatto non parla di diminuzione della quantità in peso dell'oro, ma solamente di diminuzione del suo valore.

    Cito dal suo pezzo "A scendere, in particolare, sono state le riserve in oro, diminuite in valore di 5,669 miliardi a 98,123 miliardi al 31 marzo 2012" L'oro si conta con il peso, non con il valore in euro. Cito la spiegazione di un mio amico: <questo non significa che è diminuito l'oro. Siccome 5 su 135 è circa il 4% e da Febbraio a Marzo il prezzo dell'oro è sceso di circa il 3% potrebbe essere legato semplicemente a quello, il deprezzamento del valore delle riserve d'oro di bankitalia. Bisognerebbe poi vedere il cambio €/$, perchè l'oro è quotato in dollari. Se €/$ cresce, anche il valore del tuo oro (se lo esprimi in euro) cresce, pur restando costante il prezzo dell'oro espresso in $, ma questo perchè si è apprezzata la valuta, non perchè è aumentato l'oro. Sparare un titolo "stanno vendendo l'oro di nascosto" fa molta più presa, ma come è da verificare se è vero o no (comunque stanno premendo per farlo vendere, questo è acclarato)>> Ho trovato un paio di articoli che sostengono la precisazioen del mio amico:

    "Da gennaio 1999 i dati relativi all’oro vengono diffusi mensilmente sulla base dei prezzi di mercato. Quindi nessuno avido compratore russo o cinese o qualche fobico accademico della Bundesbank solo un normale livellamento al ribasso delle quotazioni dell’oro e di conseguenza del valore delle nostre riserve." (Fonte: http://icebergfinanza.finanza.com/2012/04/16/loro-di-bankitalia-leggende-metropolitane-dorate/)

     

    Comunque il sospetto nasce da alcune dichiarazioni a livello internazionale.

    Per la Germania e BCE l'Italia deve mettere a posto i conti anche vendendo le riserve auree. L’Italia può in effetti contare su quasi 2.500 tonnellate di oro, la quarta riserva al mondo dopo Usa, Germania e il Fondo monetario internazionale, per un valore stimato intorno ai 102 miliardi di euro. In questo senso, la vendita del 20% del totale detenuto coprirebbe l’esborso richiesto dagli accordi internazionali.

    Questo sarebbe però un segnale di decadenza che avrebbe pesanti conseguenze sull’economia, sui mercati e sulle valutazioni delle agenzie di rating, da cui attualmente dipensiamo di forza. 

    Il governo tecnico di Monti potrebbe agire così spinto a livello internazionele. Il fatto è che quell’oro non è proprietà dello Stato italiano ma del popolo italiano, tanto che lo stesso Giulio Tremonti, quando nel 2009 voleva tassare le plusvalenze generate dalle riserve di Bankitalia, fu bloccato dal governatore della Bce, Jean-Claude Trichet, che disse in Parlamento «Siamo sicuri che l’oro sia della Banca d’Italia e non del popolo italiano?»

    Fonte: ComeDonChisciotte

    Già da un po' girava questo video in rete: Monti vuole dare la riserva aurea italiana alle banche internazionali Ascoltate e ditemi se l'intento dell'eurozona non è proprio quello di togliere sovranità agli stati e le ricchezze che possiede  

     

     

  • Risposta a: contro_ponte

    <<Ora passiamo all’azione insieme ai nostri concittadini siciliani che hanno deciso con determinazione di essere la cresta d’onda di un popolo civile che si ribella nei confronti di un sistema che non da dignità e solo questo basterebbe per legittimare qualsiasi protesta e chissà, forse anche qualcosa di più. L’obiettivo è far capire che la Sicilia non può continuare ad essere terra di conquista. Non a caso si ipotizza di bloccare i Tir che trasportano la benzina raffinata in Sicilla nel resto d’Italia (per la cronaca, nelle raffinerie dell’Isola si produce oltre il 50 per cento delle benzine utilizzate nel nostro Paese).>> Fonte: http://pensareliberi.com/ Per avere info sul Movimento dei Forconi, meglio Fb
  • Risposta a: sin_city0

    Il summit organizzato da Barnard è un evento imperdibile, ci sarò. Anche se non sono un economista voglio capire meglio la Modern Money Theory.L'Argentina dopo il default del 2001, oggi viaggia a ritmi di crescita tra l'8 e il 10% annuo e alla base c'è la MMT.<<Tutto iniziò quella sera. Io ho semplicemente messo assieme ciò che sapevo dei meccanismi di potere sovranazionale con l’essenziale verità di macroeconomia dello Stato di Randall Wray e della sua Modern Money Theory: uno Stato con propria moneta sovrana può comprare tutta l’occupazione che vuole, tutta l’assistenza sociale che vuole, tutta l’istruzione che vuole, tutte le case per gli sfrattati o per i giovani che vuole, e creare una cittadinanza protetta, forte, non impaurita, non ricattata, non ignorante. Può creare la VERA DEMOCRAZIA. Uno Stato con propria moneta sovrana e legittimato dai suoi cittadini nel nome del bene comune, può decretare la morte della mefitica macchina del Vero Potere, e per sempre. Lo può fare, lo poteva fare. Era la nostra gallina dalle uova d’oro. Perché non è mai accaduto? Da qui iniziò la mia ricerca su quel perché, che ha partorito Il Più Grande Crimine.>>http://www.paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=279

  • Risposta a: pretzel81

  • Risposta a: pro.contro

    Tranquilli ora ci penserà Mari o Monti<<Mentre le persone comuni sono in agitazione per l’austerità e il lavoro, il palazzo dell’eurozona si sta sottoponendo a una trasformazione radicaleLa nomina di Mario Monti alla carica di primo ministro è importanti per una quantità incommensurabile di motivi. Sostituendo lo schivatore di scandali Silvio Berlusconi, l’Italia ha smosso l’inamovibile. Mettendo al potere i tecnocrati non eletti, ha sospeso le normali regole della democrazia e forse la democrazia stessa. E ponendo un esperto consulente di Goldman Sachs al comando di una nazione occidentale, ha portato a nuove vette la potenza politica di una banca di investimento che si poteva pensare che invece fosse politicamente tossica.La cosa più clamorosa: un passo da gigante, o persino l’apice del successo, per il progetto di Goldman Sachs.>>Fonte: http://www.comedonchisciotte.org/site/modules.php?name=News&file=article&sid=9380

Ultimi commenti