Cosa significa "cancel culture"?

 
Fra le tante parole che non capisco, oltre a quelle che per fortuna ho trovato su Genio come milf o cougar, c'e' cancel culture: che significa?

 

 

gionnipeppegionnipeppe

Pubblicata IL 13/04/2021, ORE 15:29
1Leggi la risposta

Risposte Geniali

  • caprica_sixcaprica_six

    Pubblicato IL 13/04/2021, ORE 15:32

    Appassionato di

    Scopri di più

    E' un'espressione che indica il fastidio verso le proteste contro il razzismo e il sessismo della nostra società: se un personaggio pubblico che ha detto una frase razzista adesso viene apertamente contestato (ed era ora), allora tutti quelli d'accordo con lui accusano i contestatori di essere contro la "liberta' di espressione" e di vole "cancellare" opinioni diverse attraverso la decisione da parte del pubblico di smettere di supportare un determinato personaggio. Una volta si sarebbe detto "boicottaggio"
     
    La cancel culture, a detta di quelli che si sentono attaccati da chi non tollera più espressioni diomofobia, razzismo e sessismo nella società, sarebbe un passo ulteriore, in quanto l’obiettivo non sarebbe limitato all’attaccare qualcuno poiché ritenuto colpevole di immoralità, di veri e propri reati, ma c’è il fine di fargli perdere la posizione professionale o quantomeno di emarginarlo.
     
    Il 7 luglio 2020 circa 150 intellettuali, tra cui J.K. Rowling, la mamma di Harry Potter accusata di posizioni transfobiche,  hanno pubblicato una lettera su Harper’s Magazine per "mettere in guardia" contro l’insorgere di una censura delle idee e delle informazioni. 
     
    Il problema è che il razzismo non è un'opinione, ma un'ideologia criminale che, è già provato da tanti tragici eventi di cronaca, porta le menti più fragili a compiere orribili atti di violenza. Ad esempio ricordiamo le parole pronunciate da un familiare dei fratelli Bianchi, che hanno pestato a morte Willi Monteiro Duarte: "In fin dei conti cos’hanno fatto? Niente. Hanno solo ucciso un extracomunitario".
     
    Anche il fatto che in parlamento sia bloccata da anni la legge De Zan, che prevede "misure di prevenzione e contrasto contro l'omotransfobia, la violenza di genere e contro i disabili" indica che la società non è ancora unanime nel riconoscere compatta i diritti di tutte le persone: finchè sarà cosi', altro che "cancel culture", continueranno a verificarsi orribili fatti di cronaca
     
    Il dibattito è apertissimo
     
     

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia