Si dice "gli arancini" o "le arancine"?

Pensavo si dicesse "arancini", invece un mio amico siciliano mi ha detto che si dice "le arancine". Qual è la versione giusta?

nextextnextext

Pubblicata IL 30/08/2018, ORE 17:44
18Leggi le risposte

Tag

Risposte Geniali

  • Miglior Risposta

    lupogrigio1953lupogrigio1953

    Pubblicato IL 23/10/2018, ORE 16:22

    Appassionato di

    Scopri di più

    Un'arancina è una piccola arancia e al plurale diventano "arancine". Un arancino è un'altra cosa, e al plurale diventano "arancini".

    1 commento:

  • il-credenteil-credente

    Pubblicato IL 09/02/2019, ORE 09:33

    Appassionato di

    Scopri di più

    La vera discendenza del nome di questo prelibato pasto da passeggio risale ai tempi dell'antico impero d'oriente. Un umile servitore del regno di Ming si mise in viaggio giungendo, tra milioni di peripezie, peripenonne e parenti tutti, sulle coste della Trinakria. Accolto festosamente dalla popolazione, com'è abitudine tutt'ora verso lo straniero in "visita", ebbe l'opportunità e l'onore di visitare quella terra "calpestata" da grandi conquistatori. Dapprima pose gli occhi su dei frutti dalla buccia verde e vellutata, rotondi nell'aspetto e succosi nella prima fase della crescita; questi, come per magia, toccati dalla mano esperta del nostro ospite orientale, si appiattirono leggermente, persero la succosità fino a seccarsi mentre la buccia esterna perse la pelle a favore di un guscio legnoso e ricco di piccoli fori lasciati dai capillari della buccia esterna: nacque così la mandorla, chiamata così in onore dei suoi occhi. In questo suo girovagare per le tortuose strade di Trinakria scoprì le altre immense ricchezze naturali che quella terra aveva la capacità di donare alla quotidianità di ciascun abitante affinchè potesse avere sostentamento dai suoi frutti. In ogni luogo visitato c'era sempre un tavolo e un pasto caldo per lui. Per ricambiare l'ospitalità il nostro ospite donò del riso a una vecchia e saggia donna i cui occhi avevano visto e vissuto parecchie generazioni. Molto abile in cucina, volle subito provare a cuocere quei chicchi oblunghi e piccolissimi che non aveva ancora visto nonostante la sua secolare esperienza. Aiutata dal nostro ospite nei segreti della cottura di quel formidabile cereale che riusciva a sfamare l'intero Impero dei Ming, la vecchietta volle fondere la tradizione culinaria locale con una tradizione culinaria di Ming: nacque così questo pasto mettendo insieme i vari ingredienti affinchè legassero nel modo corretto. Per ringraziarlo di quel dono portato da lontano la vecchietta chiese al nostro ospite di Ming come si chiamasse e da dove venisse, così da poter dare un nome al pasto. Ecco che il nostro ospite rispose: mi chiamo ARAN e vengo dalla CINA.

  • silvio2311silvio2311

    Pubblicato IL 08/02/2019, ORE 19:52

    Appassionato di

    Scopri di più

    ARANCINA e non in altro modo !!!!

    1 commento:

  • magimagi27magimagi27

    Pubblicato IL 08/02/2019, ORE 19:19

    Appassionato di

    Scopri di più

    Ah, dimenticavo! nell'arancina alla carne non ci va la mozzarella, solo ragù di carne con piselli!!

     

  • magimagi27magimagi27

    Pubblicato IL 08/02/2019, ORE 19:17

    Appassionato di

    Scopri di più

    Mi spiace Salimuda o Salvatore che dir si voglia, l'arancina fimmina è! comu a Sicilia!  quella alla carne non è a punta, ma rotonda come una palla se non vuoi dire come una arancia, le altre forme: allungata, al burro; a piramide con gli spinaci o con il salmone. L 'ho mangiata tante volte a Messina, Catania, a Siracusa per le ultime rappresentazioni delle tragedie ( fa parte dei nostri antipasti caldi) e sempre con il ragù di tritato l'ho trovato, mai una volta con la carne tagliata a coltello. Anche nei locali più tradizionali e famosi. Maria, dalla Città delle Ville

  • Considerato che l'Accademia della Crusca ha definito esatto il termine "sindaca" per il "Sindaco " di sesso femminile...non credo sia poi così attendibile in materia. Piuttosto mi attenderei al più qualificato siciliano puro di Andrea Camilleri che ha intitolato il suo noto romanzo " Gli arancini di Montalbano" e non certamete "arancine"..

  • valdeburgovaldeburgo

    Pubblicato IL 07/02/2019, ORE 20:12

    Appassionato di

    Scopri di più

    Mi dispiace per i Palermitani,ma non ci si può appellare all'Accademia della Crusca per una terminologia che è tutta siciliana e quindi non va tradotta letterariamente;mi spiego : l'arancia(quindi il frutto),in catanese si dice aranciu(al maschile)o arancio,senza alcuna distinzione con la pianta.Il nome,esatto è(di conseguenza) arancino e la sua patria è Catania.A propopsito...anche l'Iris è catanese,così come la raviola di ricotta e la graffa.Grazie per l'attanzione.Filippo

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia