Cibi piccanti. Perché?

Saranno le mie origini bresciane ma davvero non riesco a trovare una sola buona ragione per aggiungere pepe o peperoncino alle ricette... Che ne pensate?

segno13segno13

Pubblicata IL 06/11/2014, ORE 11:03 | Aggiornata IL 06/11/2014, ORE 15:25
2Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • mira6meramira6mera

    Pubblicato IL 07/11/2014, ORE 12:02

    Appassionato di calcio, genio, sport

    Scopri di più

    Tieni inoltre presente che vari studi evidenziano gli effetti benefici dell'aggiunta del peperoncino nei piatti (ovviamente con un uso equilibrato)

     

    Le proprietà antiossidanti del peperoncino rosso sembrerebbero avere un ruolo importante nella prevenzione del tumore alla prostata e dello stomaco. Inoltre ha l'effetto di regolarizzare la circolazione sanguigna e favorisce il processo digestivo.

  • cuorefarimaconcuorefarimacon

    Pubblicato IL 07/11/2014, ORE 11:54

    Appassionato di

    Scopri di più

    Uno studio realizzato presso la Cornell University di Ithaca, negli Stati Uniti, basato sull'analisi di oltre 4.500 ricette di 36 paesi ha evidenziato la principale ragione per la quale i cibi caldi sono tradizionalmente molto utilizzati nei paesi a clima caldo, anche se apparentemente sembrerebbero i luoghi dove meno c'è bisogno di "scaldarsi" con cibo piccanti. La ragione è nel fatto che il peperoncino, ma anche molte altre spezie, hanno un potente effetto antibiotico, uccidendo la maggior parte dei microbi che rovinano il cibo e mettono a rischio la salute umana. Secondo gli scienziati coloro che nei secoli amavano i cibi più speziati avevano maggiori possibilità di sopravvivenza in paesi dove a causa del calore i cibi spesso andavano a male. Ci sarebbe quindi una ragione darwiniana alla base del fatto che i tali paesi, al di là della necessità di continuare a utilizzar le spezie per ragioni antimicrobiche, la popolazione "ama" i cibi speziati. A questo effetto, bisogna aggiungee, per quanto riguarda in particolare i cibi piccanti che, favorendo la sudorazione, aiutano ad abbassare la temperatura del corpo. I ricercatori hanno anche individuato una scala di capacità antibatteriche delle spezie:

    1. aglio, cipolla e origano (che uccidono praticamente ogni tipo di batterio)
    2. timo, cumino, cannella e dragoncello (capaci di eliminare l'80 per cento dei microrganismi dannosi);
    3. pepe e peperoncino (efficacia al 75%)
    4. zenzero, anice, sedano e il succo di limone (25 % cento di successi)

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia