il cane che mi rubò il cuore - Dan Clark

il cane che mi rubò il cuore (Dan Clark) - 

tutti hanno diritto a vivere una vita normale  

 

Il padrone di un negozio stava esponendo sulla porta un cartello con la scritta "si vendono cuccioli". Questo genere di annuncio attira sempre i bambini e difatti di li a poco un ragazzino si presentò nel negozio chiedendo: "quanto costano i cagnolini?" Il padrone rispose: "tra 30 e 50 €". Il bambino mise la mano in tasca e ne estrasse alcune monete: "ho solo 2,37 € ... Posso vederli?". L'uomo sorrise e fece un fischio. Dal retrobottega entrò correndo il suo cane seguito da cinque cuccioli. Uno di questi però era rimasto molto indietro rispetto agli altri. Il ragazzino subito indicò il cagnolino rimasto indietro che stava zoppicando: "Cosa gli è successo?". L'uomo gli spiegò che, quando era nato, il veterinario gli aveva detto che quel cucciolo aveva un'anca difettosa e che sarebbe rimasto zoppo per sempre. Il bambino si commosse a quelle parole ed esclamò: "questo è il cagnolino che voglio comprare!". E l'uomo gli rispose: "no, non dovrai comprarlo! Se lo vuoi veramente te lo regalerò!". Il bambino rimase attonito e guardando l'uomo diritto negli occhi gli disse: "non voglio che lei me lo regali: vale tanto quanto gli altri cagnolini e io le pagherò il prezzo intero. Se è d'accordo le darò subito i miei 2,37 € e 50 centesimi ogni mese fino a quando lo avrò pagato completamente". L'uomo rispose: "non vorrai davvero comprare questo cagnolino, ragazzo. Non sarà mai in grado di correre, di saltare e di giocare come gli altri cagnolini!". Allora il bambino si piegò ed estrasse dai pantaloncini la sua gamba sinistra, malformata ed imprigionata in un pesante apparecchio metallico. Guardò di nuovo l'uomo e gli disse: "questo non importa, anch'io non posso correre e il cagnolino avrà bisogno di qualcuno che lo capisca!". L'uomo adesso stava mordendosi le labbra e i suoi occhi si riempirono di lacrime... Sorrise e disse: "ragazzo, mi auguro e spero davvero che ciascuno di questi cuccioli trovi un padrone come te."  

 

 

dune-buggidune-buggi

Pubblicata IL 01/09/2014, ORE 21:14
4Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • dune-buggidune-buggi

    Pubblicato IL 29/12/2015, ORE 18:19

    Appassionato di

    Scopri di più

    CARO UOMO …

    ... In questa pagina ci è stato fatto un grande dono, quello di poterti scrivere almeno per una volta. Non sarà facile per chi come noi parla solo col linguaggio dei sentimenti, ma proveremo a sfruttare questa opportunità, cercando di venirti incontro ancora una volta affinché tu possa almeno ascoltarci. Rispetta la nostra vita: noi siamo simili a te, perché abbiamo uno spirito e siamo vivi. Sappiamo soffrire conosciamo la disperazione e l'indifferenza. Non ti chiediamo di dedicare tutto il tuo tempo a noi, non occorre, il tuo sguardo e le tue parole, una carezza ogni tanto e ci farai gli esseri più felici del mondo. Rispetta il nostro modo d'essere, non maltrattarci, non deriderci, anche noi abbiamo sentimenti e la tua crudeltà ci ferisce. Non abbandonarci dopo anni di vita insieme, conosciamo lo smarrimento, la paura e il dolore. Ascoltaci, perché anche noi sappiamo parlare, ma il nostro è il linguaggio del cuore, del sentimento e della sensibilità. Per capire i nostri pensieri devi usare l'anima, per risponderci solo il tuo amore. Non occorre molto per farci felici, in cambio avrai la nostra vita, la nostra fedeltà e la nostra amicizia. Uomo, noi siamo gli animali, i tuoi fratelli più piccoli: dovresti avere cura di noi, proteggerci ed invece la tua mano troppo spesso si alza solo per colpirci ed ogni volta la tua crudeltà è sempre più grande. Non ucciderci, non usarci come cibo o come vestiario, non sperimentare su di noi inutili torture, non abbandonarci, non cacciarci, non usarci nelle tue feste popolari, non chiuderci in gabbie per il gusto della tua curiosità, non infliggere inutili sofferenze. Non tramutare la nostra esistenza in una tortura continua. Siamo il tuo prossimo come tutto ciò che vive e come te vogliamo solo rispetto e amore. Chissà caro Uomo se avrai capito questo messaggio: fra poco noi torneremo nel nostro silenzio fatto di pensieri e sensazioni. Ricorda queste parole ogni volta che i tuoi occhi si poseranno su uno di noi, non dimenticare che la vita è vita in ogni sua forma e come tale va amata. 

    2 commenti:

    • dune-buggidune-buggi

      Pubblicato IL 29/12/2015, ORE 18:26

      Appassionato di

      Scopri di più

      vedere anche - caro amico lettera di un cane all' uomo - sono una serie di diapositive con testo scritto allegato - prima di regalare un animale (significa dotato di "anima") pensiamo che NON è un giocattolo al quale basta togliere la batteria per fermarlo - Madre Teresa di Calcutta ha composto degli scritti interessanti sotto la voce ... anima mundi ... cordiali saluti da d/b.-

    • livanolivano

      Pubblicato IL 30/12/2015, ORE 08:54

      Appassionato di dubbi legali, politici italiani

      Scopri di più

      "non dimenicare che la vita è vita in ogni sua forma e come tale va amata" : belle parole che però nella vita vera, nella organizzazione del creato non hanno riscontro. Anche S. Franceso pensava che il lupo fosse suo fratello: il lupo però era di un'altra opinione, specialmente quando adocchiava suo fratellino agnello. Anche fra i vegetali la tenerezza non è la regola: le erbacce soffocano le piante più deboli ecc,ecc. Forse un domani scopriremo che anche le piante in qualche modo soffrono come soffrono gli altri esseri viventi. Tu vedi il bicchiere mezzo pieno, io mezzo vuoto: il creato mi sembra un grande ristorante. ciao e stammi bene

  • ehi d/b sei riuscito a commuovermi crying

    grazie! heart

    1 commento:

  • dune-buggidune-buggi

    Pubblicato IL 01/09/2014, ORE 21:19

    Appassionato di

    Scopri di più

    un uomo ed un cane -

     

    "Un uomo camminava per una strada con il suo cane. Si godeva il paesaggio quando, ad un tratto, si rese conto di essere morto e che il cane che gli camminava al fianco era morto da anni. Si chiese quindi dove li portava quella strada. Dopo poco giunsero ad un alto muro bianco che sembrava di marmo e che costeggiava la strada fino in cima ad una collina. S'interrompeva davanti ad un alto arco che brillava alla luce del sole. Quando vi fu davanti, vide che l'arco era chiuso da un cancello che sembrava di madreperla e la strada in oro puro. Con il cane s'incamminò verso il cancello; ad un lato c'era un uomo seduto a una scrivania. Arrivato davanti a lui, gli chiese: - Scusi, dove siamo? - Questo è Il Paradiso, signore, - rispose l'uomo. - Wow! E non si potrebbe avere un po' d'acqua? - Certo, signore. Entri pure, dentro ho dell'acqua freschissima.... - L'uomo fece un gesto e il cancello si aprì - Non può entrare anche il mio amico? - disse il viaggiatore indicando il suo cane. - Mi spiace, signore, ma gli animali qui non li accettiamo - L'uomo pensò un istante, poi fece dietro front e se ne andò. Dopo un'altra lunga camminata, giunse in cima a un'altra collina in una strada sporca che portava all'ingresso di una fattoria, con un cancello che sembrava non essere mai stato chiuso. Non c'erano recinzioni di sorta. Avvicinandosi all'ingresso, vide un uomo che leggeva un libro seduto contro un albero. - Mi scusi, - chiese - Non avrebbe un po' d'acqua? - Sì certo. Laggiù c'è una pompa, entri pure - E per il mio amico qui? - disse lui, indicando il cane. - Vicino alla pompa dovrebbe esserci una ciotola - Attraversarono l'ingresso ed, effettivamente, poco più in là c'era un'antiquata pompa a mano con a fianco una ciotola. Il viaggiatore riempì la ciotola al cane e poi diede una lunga sorsata. Continuarono così finché non furono sazi, poi tornarono dall'uomo seduto all'albero. - Come si chiama questo posto? - chiese il viaggiatore - Questo è il Paradiso... - Beh, non è chiaro. Laggiù in fondo alla strada uno mi ha detto che quello era il Paradiso - Ah, vuol dire quel posto con la strada d'oro e la cancellata di madreperla? - No, quello è l'Inferno... - E non vi secca che usino il vostro nome? - No, ci fa comodo che selezionino quegli imbecilli che, per egoismo o convenienza, abbandonano i loro migliori Amici .... - "

  • dune-buggidune-buggi

    Pubblicato IL 01/09/2014, ORE 21:16

    Appassionato di

    Scopri di più

    oggi ho salvato un essere umano 

     

    I nostri sguardi si sono incontrati quando lei ha percorso il mio corridoio ed ha guardato nella gabbia. Ho percepito subito il suo bisogno e sapevo di doverla aiutare. Ho scodinzolato, non molto forte, perché non si spaventasse, quando si è fermata alla mia gabbia, ho impedito che il suo sguardo andasse dietro di me, per non farle vedere il piccolo incidente che mi era capitato. Non volevo che venisse a sapere che oggi non mi avevano portato fuori. A volte le persone qui hanno così tanto da fare, e non volevo che avesse di loro una brutta impressione. Quando ha letto la scheda con la mia descrizione, ho sperato che il mio passato non la rattristasse. Io posso soltanto guardare avanti e vorrei essere importante e significare qualcosa per qualcuno. Si è piegata verso di me e mi ha mandato dei baci leggeri e io ho premuto le spalle e la testa contro la rete, per poterla toccare, mi ha accarezzato la nuca con la punta delle dita, così morbide e leggere, ha avuto subito bisogno di compagnia. Una lacrima è scesa sulla sua guancia ed io ho alzato la zampa, per assicurarle che tutto sarebbe andato bene e, dopo poco la porta della mia gabbia si è aperta ed il suo sorriso mi ha così illuminato, che sono subito saltato fra le sue braccia. Le ho promesso che sarebbe sempre stata sicura con me. Le ho promesso che l'avrei sempre accompagnata. Le ho promesso che avrei fatto di tutto, per vedere sempre il suo sorriso smagliante ed un luccichio nei suoi occhi. Ho avuto la fortuna che lei passasse dal mio corridoio perché, la fuori, ci sono molti altri essere umani, che ancora non hanno attraversato questi corridoi. Ancora così tanti, che devono essere salvati ma io ne ho potuto salvare almeno uno. 

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia