Crisi Italia rapporto Eurispes 6 italiani su 10 usa risparmi per arrivare a fine mese

La crisi economica in Italia non molla la presa ed anzi i segni della recessione in Italia sono sempre più drammatici. Secondo un rapporto dell'Eurispes sono sempre di più le famiglie che non riescono a far quadrare i conti alla fine del mese e che si trovano costrette ad intaccare i risparmi. Il 62,8% degli italiani fa fatica ad affrontare anche la terza e quarte settimana. L'80% dei cittadini è convinto che la situazione economica sia peggiorata nel 2012 e per il 52,8% il prossimo anno non sarà migliore, anzi la situazione nel 2013 sarebbe destinata a peggiorare ulteriormente.

 

Eurispes poi rivela: "La maggior parte degli italiani (52,8%) è convinta che la situazione economica del Paese subirà un peggioramento nei prossimi 12 mesi, in molti sono sicuri che rimarrà stabile (27,9%) e solo 1 italiano su 10 indica un sicuro miglioramento".

 

Cosa ne pensate? Che futuro ci attende? In che modo è possibile uscire dalla crisi?

poetamaleficopoetamalefico

Pubblicata IL 01/02/2013, ORE 14:29 | Aggiornata IL 01/02/2013, ORE 14:30
52Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • Miglior Risposta

    ilducapazzoilducapazzo

    Pubblicato IL 01/02/2013, ORE 14:34

    Appassionato di

    Scopri di più

    Questi dati dovrebbero far riflettere sia i politici che stanno puntando su vari programmi per accaparrarsi il nostro voto ma soprattutto noi cittadini che, ora più che mai, dobbiamo capire bene chi vogliamo guidi il nostro Paese per i prossimi anni. Circa un terzo del campione ha chiesto un prestito bancario negli ultimi tre anni (35,7%), un dato in aumento rispetto alla rilevazione dello scorso anno di 9,5 punti percentuali.

     

    Inoltre, quasi due terzi dei lavoratori afferma che l'attuale occupazione non permette loro di sostenere spese importanti quali l'accensione di un mutuo o l'acquisto di un'automobile. Il potere di acquisto si è ridotto di una percentuale al 70% e non è di certo di aiuto il fatto che gli stipendi sono rimasti fermi ai livelli di 27 anni fa. In compenso nessuno di quelli che ci governa ora e che punta al governo con le elezioni di febbraio cerca concretamente di porre un rimedio al salasso delle tasse in arrivo: Tares e aumento di un punto percentuale dell'Iva solo per fare due esempi

     

    Secondo alcuni studi per il 2013 è previsto un aumento delle tasse che arriverà al 56% rispetto al 46,3% della pressione fiscale apparente. Nel 2012 la pressione fiscale si è attestata intorno al 55,2%. Nell'ultimo anno il sistema del credito ha ridotto di 32 miliardi l'erogazione di finanziamenti alle aziende. Il risultato è che sempre più aziende falliscono perchè non riescono ad ottenere credito da banche ed istituti di credito che invece si arricchiscono attraverso la speculazione finanziaria. Perchè le aziende possono fallire ed una banca come Monte Dei Paschi deve essere salvata? Col prestito che lo Stato vuole erogare alla Mps (si parla di circa 4 miliardi di euro) sapete quante aziende si potrebbero salvare dalla chiusura?

     

    Evidentemente questo interessa ai politici fino ad un certo punto che, ora che sono in campagna elettorale denunciano che l'Italia sta andando a rotoli economicamente condannando l'operato di Monti, ma prima proprio le proposte del governo tecnico le hanno accettate e votate: su tutti il pareggio in bilancio che ci condanna in maniera ineccepibile nei confronti della Ue.

    5 commenti:

    • mar544mar544

      Pubblicato IL 04/02/2013, ORE 15:45

      Appassionato di

      Scopri di più

      sono un commercialista di Roma, dal 2009 al 31 Dicembre 2012 ho chiuso circa 30 aziende clienti del mio studio, le aziende hanno chiuso in maggior parte per il semplice fatto che le imposte praticamente strozzavano le loro casse, molti di loro usavano i fidi bancari per poter pagare e non aver problemi con equitalia, poi è subentrato il taglio dei finanziamenti bancari e quindi hanno deciso di chiudere. Su queste trenta aziende, 7 hanno deciso di emigrare all'estero, le altre hanno chiuso definitivamente. Prevedo, visto i discorsi fatti ad oggi da altri miei clienti, che molti altri quest'anno (2013) faranno altrettanto, l'unica via di uscita a mio parere, è di mettere il punto e ricominciare da capo, il cappotto rattoppato e rivoltato prima o poi va gettato e rifatto ex novo.

    • bblapinetadiregbblapinetadireg

      Pubblicato IL 20/02/2013, ORE 21:44

      Appassionato di

      Scopri di più

      Credo che tutto questo è stato previsto e pianificato dal Primo ministro Monti e non penso che si tratti solo di una conseguenza inattesa altrimenti saremmo come i passeggeri di una nave pilotata da un comandante ubriaco. C'è un disegno certamente, ma sinceramente non capisco dove ci vogliono portare!

    Leggi tutti i commenti

  • umberto330umberto330

    Pubblicato IL 15/02/2013, ORE 19:15

    Appassionato di

    Scopri di più

    per uscire dalla crisi ci dovrebbe essere un condono e far chiudere i debbiti di ogni famiglia fatti da quando e entrato in vigore il maledetto euro.cosi secondo me le famiglie potrebbero spendere e comprare  e far girare i soldi.

  • alexmiusicalexmiusic

    Pubblicato IL 15/02/2013, ORE 17:30

    Appassionato di

    Scopri di più

    siamo alla frutta ed e' vero quello che scrivete, iol futuro governo dovra'm veramente rimboccarsi le maniche e per prima cosa dimezzare  tutte le spese dello stato e della politica, se non lo faranno si fara' la fine della grecia che e' sull'orlo della guerra civile...

  • felix397felix397

    Pubblicato IL 05/02/2013, ORE 08:02

    Appassionato di

    Scopri di più

    E che succederà quando chi ancora può finirà di attingere ai risparmi? Temo che ci aspettino tempi bruttissimi! La storia ci ha nsegnato che i grandi mutamenti sono avvenuti quando il popolo aveva fame (di giustizia sociale, di cose materiali ecc.). Il vero problema a mio avviso è che non si intravede da nessuna parte qualcuno di prendere in mano le redini del comando spazzando via gli attuali politici di destra, sinistra e di centro. Se si pensa che il "fatto nuovo" è rappresentato da Grillo (con tutto il rispetto per l'uomo) che speranze abbiamo?

  • geometrastellageometrastella

    Pubblicato IL 05/02/2013, ORE 08:00

    Appassionato di

    Scopri di più

    4.000 francesi sono emigrati in Quebec (Canada ) meditate gente...dico ai giovani studiate inglese,  fate le valigie e andate ....fuori c'e un mondo ....che vi aspetta....

  • leviedelsoleleviedelsole

    Pubblicato IL 05/02/2013, ORE 07:08

    Appassionato di

    Scopri di più

    ci hanno ridotto sul lastrico , io lavoro da quando avevo 17 anni e ora ne ho 59 , devo dire che dai 30 anni in su anche poco ma sono riuscito sempre a risparmiare qualcosa e meno male altrimenti aesso non potrei vivere ma tra un po finiranno i risparmi e cosa faremo ' UACIRE DALL'EURO E TORNARE ALLA NOSTRA SOVRANITA' CERTAMENTE IN 5 ANNI CI RIDAREBBE LA FORZA DI RITORNARE UNA GRANDE NAZIONE

  • veladimare1veladimare1

    Pubblicato IL 05/02/2013, ORE 01:47

    Appassionato di esoterismo e mistero, hobby

    Scopri di più

    NON   CE  LO  MERITIAMO!!!!!.   SIAMO  DIVENTATI     IL   FANALINO   DI   CODA,  POSSIBILE  MAI   CHE  NO   SI   RIESCA   A  FAR  DECOLLARE   QUESTO  PAESE,  UNA   TERRA  TANTO  AMATA   DIFESA   CON  IL   SANGUE   DEI  NOTRI  EROI      PATRIOTTI  ITALIANI,   E  TERRA   DEI  NOSTRI  PADRI.     DIFENDIAMOLA   CON   AMORE     SEVERITA     X  CHI   RUBA     CON   GALERA   VERA

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia