Un economista: "La crisi finirà con una guerra mondiale". Possibile? Sono previsioni attendibili? In che modo è possibile uscire dalla crisi?

Su Wallstreet Italia ho letto le dichiarazioni dell'economista Charles Robertson di Renaissance Capital secondo il quale "La crisi finirà con una guerra mondiale". E a rincarare la dose ci ha pensato il gestore di fondi speculativi Kyle Bass secondo il quale "Solo una guerra potrà risolvere i problemi strutturali dell'Eurozona". 

 

Bass ha scommesso sul default dei paesi dell'area Euro più in difficoltà come la Grecia, che sarà la prima ad abbandonare la moneta unica già nel 2013, in quanto le autorità della regione non faranno nulla per sbloccare la fase di stallo che dura da ormai tre anni. E dichiara "Non so dire bene chi combatterà chi, ma sono sicuro che nei prossimi anni assisteremo allo scoppio di rivoluzioni e guerre, e non certo piccole". 

 

Sono molti gli analisti che si chiedono come mai altri stati europei non siano ancora scesi in strada, come è successo in Grecia dove le violente proteste sono state moltissime, nonostante la pesante disoccupazione, l'incremento delle tasse, la riduzione della spesa pubblica che ha coinvolto stati come Spagna, Portogallo e Italia. 

 

Sono previsioni azzarde o qualcosa di vero c'è? Quali sono le soluzioni reali per uscire dalla crisi economica? Che futuro attende questi paesi?

kobayashi87kobayashi87

Pubblicata IL 10/01/2013, ORE 17:23 | Aggiornata IL 10/01/2013, ORE 17:26
97Leggi le risposte

Risposte Geniali

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia