Report indaga sugli immobili appartenenti a Di Pietro. Acquistati con rimborsi dell'Idv o con fondi personali? Avete visto il video?

Ieri sera (28 ottobre) è andata in onda Report e nella puntata si sono occupati degli immobili di Di Pietro. La giornalista Sabrina Giannini si occupata di scartabellare tra le carte di rendicontazione delle spese non solo del partito Italia dei Valori, ma anche, della parallela per costituzione, associazione sempre denominata Italia dei Valori, della quale per sette anni sono soci solo in tre. Purtroppo sono riuscito a segure solo per pochissimo tempo il servizio su Report.

 

Che cosa è emerso dal servizio di Report? Di quanti immobili è proprietario Di Pietro? E come sono stati acquistati?

ballerino198ballerino198

Pubblicata IL 29/10/2012, ORE 14:40 | Aggiornata IL 29/10/2012, ORE 14:45
153Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • Miglior Risposta

    magicalauretta1magicalauretta1

    Pubblicato IL 29/10/2012, ORE 14:41

    Appassionato di

    Scopri di più

    Nell'associazione che hai citato tu c'erano tre soci che erano Antonio Di Pietro, Silvana Mura (tesoriere Idv) e l'avvocato Mario Di Domenico che a un certo punto viene estromesso per lasciare spazio nella medesima associazione alla moglie di Di Pietro ossia l'avvocato Susanna Mazzoleni (l'inchiesta su Di Pietro è disponibile qui). Secondo il Presidente dell'Idv non c'è nulla si strano che la moglie sia parte della società poichè essa ha una mente indipendente e libera di decidere di ritrovaersi socia col marito. E' davvero un caso? 

     

    Report ha chiesto la valutazione a un geometra che, per conto di Elio Veltri, ex vicepresidente dell'Idv, ha catalogato gli immobili e le proprietà della famiglia dell'ex pm "Escludendo da questa lista le 9 proprietà della moglie e le 2 del figlio maggiore, ne restano 45 comprese di garage e cantine". Il geometra D'Andrea ammette che "Dal 2001 in poi la famiglia inizia ad acquistare beni". La giornalista di Report fa notare che nel 1995, racconta la Sabrina Giannini, arriva la donazione di Maria Virginia Borletti, figlia del produttore milanese di macchine da cucire. Una parte dell'eredità, un miliardo tondo di vecchie lire donati a Di Pietro e Romano Prodi. Lo stesso Di Pietro, in una memoria consegnata al magistrato, dichiara di avere usato la donazione Borletti per l'acquisto di immobili. Ma si tratta di una donazione al partito o personale a Di Pietro? Lui afferma che si tratta di una donazione a livello personale che ha usato quindi per scopi privati.

    Secondo l'inchiesta di Report quindi gli immobili (come dimostrano anche i documenti presentati nella trasmissione) sarebbero stati acquistati prendendo i soldi dai rimborsi elettorali dell'Idv e dalle donazioni che privati cittadini facevano a fini politici. A volte negli appartamenti acquistati venivano piazzate sedi Idv, che poi si sono rivelate essere farlocche o hanno dovuto, attraverso l'autofinanziamento dei militanti, pagare il mutuo contratto da Di Pietro. Egli allo stesso tempo costituiva come socio unico società immobiliari che facevano operazioni a suo unico vantaggio. Vicende accadute per anni, mentre i bilanci venivano approvati in fretta e furia praticamente dal solo Di Pietro, e l'Idv era in mano ad un'associazione che ne aveva lo stesso nome, e comprendeva nel direttivo gli stessi Di Pietro & family.

     

    Se ci fate caso nel servizio di Report ci sono Di Domenico ed Elio Veltri, ex vicepresidente Idv, che sono i due accusatori di Antonio Di Pietro, autori di diverse denunce, tutte respinte o archiviate dalle Procure di Milano e Roma. E come mai? Forse perchè troppo compromettenti?

    10 commenti:

    • gianfranco337gianfranco337

      Pubblicato IL 01/11/2012, ORE 00:11

      Appassionato di

      Scopri di più

      Gianfranco : io credo che se dopo due denunce ben due procure non intervengono, vuol dire che i magistrati indagano solo in una direzione. DI questo ed altro ancora ne faremo tesoro quando andremo a votare visto che [ l'unica arma che abbiamo.

    • gianfranco337gianfranco337

      Pubblicato IL 01/11/2012, ORE 00:31

      Appassionato di

      Scopri di più

      Io credo che se dopo due denunce ben due procure non intervengono, vuol dire che i magistrati indagano solo in una direzione. DI questo ed altro ancora ne faremo tesoro quando andremo a votare visto che è l'unica arma che abbiamo. Voglio precisare che non faccio differenze fra destra e sinistra, ma parlo della attuale classe politica in generale, DEVONO ANDARE TUTTI A CASA.

    Leggi tutti i commenti

  • duzz-idduzz-id

    Pubblicato IL 09/02/2013, ORE 17:01

    Appassionato di

    Scopri di più

    QUELLI DI MANI PULITE ! L'AMICO CHE BERSANI NON CHIAMA PIù ! QUELLO DELLA FOTO DI VASTO , CHE HA MESSO INSIEME VENTOLA E BERSANI CHE OGGI LO EVITANO , BEI COMPAGNI !

  • Di Pietro è uguale agli altri, e non ci piove. Si passa da Lui all'immobiliarista monegasco Fini, a Scajola di Roma Colosseo per arrivare pure a Bossi, ex leader di LEGA LADRONA che a febbraio va a casa pure Lui e Maroni. Gli incapaci ed i collkusi dobbiamo mandarli a casa , e senza vitalizi. Ma poi perchè i loro vitalizi sono esentasse?

  • camillo126camillo126

    Pubblicato IL 27/01/2013, ORE 11:46

    Appassionato di

    Scopri di più

    FORSE A SEGUITO LA SCUOLA DI BERLUSCONI , O D' ALTRI , REPORTER NON SI DEVE FERMARE A META DEVE PORTARCI A INCHIESTA FINITA ALTRIMENDI NON E CREDIBILE .

  • nicola1119nicola1119

    Pubblicato IL 23/01/2013, ORE 18:02

    Appassionato di

    Scopri di più

    DIFFONDIAMO E CERCHIAMO DI CAPIRE COME TORNARE A MANI PULITE E COSCIENZA SPORCA e hanno la faccia tosta di chiedere i nostri voti.

  • luciano778luciano778

    Pubblicato IL 20/01/2013, ORE 12:50

    Appassionato di

    Scopri di più

    su di pietro mi ricordo molto bene, quando BERLUSCONI l'incontrò per offrigli la possibilità di dirigere un ministero, e non so se avesse accettato,fu chiamato a rapporto da quel magistrato che andava a cavallo, e che se gli avessero offerto il posto di presidente della repubblica, con dolore avrebbe accettato. dopo l'incontro, Di pietro, forse minacciato di qualche scheletro,cambiò immediatamente, diventando strenuo difensore di tutto quello che riguardasse la magistratura. ora è scaricato perchè lo sostituirà il grande Ingroia. e con INGROIA finalmente non ci saranno più mafiosi. Avrà il ministero dell'interno,  collaboratori: Saviano,SANTORO. TRAVAGLIO ecc.ecc. almeno una cosa finirà,LA MAFIA

  • orso312orso312

    Pubblicato IL 13/12/2012, ORE 11:35

    Appassionato di

    Scopri di più

    perchè avete ancora intenzione di andare a votare questi .......... chiamiomoli politici

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia