simulazioni di emergenza

Nelle scuole e nelle fabbriche vi sono i piani di emergenza e di evaquazione in caso di necessità. (terremoto, incendio, alluvione, ecc.). Qualcosa di simile esiste anche per i grossi uffici privati. Domanda - per gli uffici pubblici viene prevista qualche prova o simulazione. Come viene prevista la gestione degli utenti all' interno di tali uffici. Verranno anche previste simulazioni di emergenza anche per i grossi condomini. Ciao e grazie per la collaborazione.   

dunebuggidunebuggi

Pubblicata IL 12/07/2012, ORE 20:28
2Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • ipayufabioipayufabio

    Pubblicato IL 10/08/2012, ORE 09:02

    Appassionato di di tutto un pò

    Scopri di più

    Per i grossi condomini ancora non so, ma negli uffici pubblici - e anche nelle scuole - le prove vengono fatte. Sono previsti addetti (esposti in appositi elenchi affissi un po' dappertutto, di solito accanto alla planimetria del piano di evacuazione) che nella circostanza indossano pettorine colorate. Ovviamente fanno capo a un coordinatore (figurante anch'egli nel citato elenco), e hanno il compito di assicurarsi che l'edificio venga appunto evacuato, i soccorsi allertati e le persone condotte in aree di sicurezza (riportate nel piano di evacuazione). Una curiosità: vi è maggior rispetto dell'autorità da parte dei bambini rispetto che dagli adulti di qualsiasi posto. fabio

    1 commento:

  • astragalo61astragalo61

    Pubblicato IL 12/07/2012, ORE 23:47

    Appassionato di

    Scopri di più

    E' prevista la figura di un responsabile per la sicurezza e un responsabile per il pronto soccorso per ogni piano od unità di uffici, a cui viene chiesto di partecipare ad un corso di formazione più o meno ogni 10 anni. Tali responsabili della sicurezza non hanno in pratica nessuna responsabilità e nessun compito specifico (come spesso accade in tutti gli uffici pubblici), mentre esiste la figura dirigenziale di responsabile della sicurezza, e come tale viene anche pagato, per ogni ente pubblico; a questa figura spetterebbe la gestione e il controllo di tutti i protocolli di emergenza nonchè dei vari responsabili per unità di uffici. In pratica nessuno fa nulla ed è già molto che gli estintori funzionino (ma si raccomanda di non usarli in ambiente chiuso), che nella casswetta del pronto soccorso ci siano un paio di cerotti, che la luce delle uscite di emergenza funzioni, che al muro siano appesi i piani di evacuazione. E che qualcuno ce la mandi buona.

    3 commenti:

    • astragalo61astragalo61

      Pubblicato IL 13/07/2012, ORE 10:36

      Appassionato di

      Scopri di più

      Già, questo è il paese della prevenzione 0: si aspetta che accada qualcosa per muoversi. Dopo il terremoto ci si accorge che i capannoni non erano costruiti bene, che le norme per le costruzioni antisismiche sono attive dal 2008, che chiese e monumenti stanno in piedi per miracolo. ciao

    • entropia1980entropia1980

      Pubblicato IL 13/07/2012, ORE 19:04

      Appassionato di

      Scopri di più

      Ciao dunebuggi e ciao astragalo. Per astragalo permettimi di dirti una cosa. Non voglio generalizzare perchè sarebbe troppo scontato ma bisogna anche dire che ci sono persone che non HANNO VOGLIA DI SENTIRE le istruzioni in merito alle procedure di emergenza: tanto, dicono, figurati se succederà mai qualcosa! Succede spesso che le più elementari norme di evacuazione e messa in sicurezza per se stessi e per gli altri non sappiano nemmeno cosa siano. E se capita qualcosa scoppia il caos perchè non sanno cosa fare. Certo trovarsi in mezzo ad un incidente e mantenere il sangue freddo non è facile, ma se si hanno delle nozioni qualche probabilità in più non guasta.

    Leggi tutti i commenti

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia