Italia: 5 miliardi all’anno per salvare le banche. Perché? Da dove arrivano i soldi necessari? E ai cittadini chi ci pensa?

In questi giorni mi è capitato di vedere questo video di Claudio Messora del blog Byoblu

La cosa interessante è che Messora dà una chiara spiegazione del motivo per cui l’Italia nei prossimi 3 anni si troverà a pagare una cifra di 5 miliardi di euro all’anno per andare ad anticipare la propria quota di capitale del MES.

 

Che cos’ è il MES? Si tratta del così detto fondo salva-stati, ossia un organo di stabilità europea che dovrebbe fare sì che la crisi non si propaghi da uno stato all’altro. E’ guidato da 17 governatori (uno per ogni ministero dell’economia dello stato di riferimento), nel caso dell’Italia sarà Monti (che ha regalato 2 miliardi e mezzo a Morgan Stanley) che a far parte del MES, che saranno inattacabili giudiziariamente, la loro documentazione inaccessibile e la cosa principale che faranno salire il debito degli stati membri. La cosa interessante è che il MES, che inizialmente era stato ideato per reagire in caso di estrema crisi (magari acquistando i debiti dei paesi sovrani), con un cambio repentino di orientamento potrà essere utilizzato anche per la ricapitalizzazione delle banche in crisi.

 

Se i membri del MES decidono di aumentare il capitale dell’organo secondo i criteri e le modalità stabilite da loro tutti gli stati membri devono adeguarsi immediatamente e versare la loro quota senza possibilità di rinuncia o rifiuto. Il capitale iniziale del MES è di circa 500 miliardi di Euro e all’Italia spetta una quota del 20%, ossia circa 125 miliardi (di debito), di cui è stato richiesto un anticipo di 15 miliardi da versare inizialmente in 5 anni ma poi si è passati a 3 anni facendo quindi passare da 3 a 5 la quota annuale italiana.

 

Quindi la quota spettante all’Italia non servirà solo per acquistare i titoli di stato delle nazioni in crisi ma anche per andare a ricapitalizzare quelle banche che sono in forte deficit come per esempio le banche italiane (tra cui possiamo citare per esempio il Monte dei Paschi di Siena).

 

Ma come fa lo Stato a recuperare i fondi per pagare questi 5 miliardi annui? Andando a lavorare sull’indebitamento dello Stato e quindi sui cittadini attraverso la flessibilità in uscita (stipendi e pensioni), accise sul carburante e altre tasse (in arrivo ci sono ben sette tasse che andranno ad alleggerire il nostro portafoglio).

 

Quindi si danno soldi alle banche e si tolgono ai pensionati, ai servizi sociali ed al salario. Anche la crisi di una piccolissima banca può far crollare tutto e se crolla il sistema bancario finanziario, si blocca l'economia. Questo é il potere effettivo, istituzionale, delle banche: sono l'istituzione che crea e commercializza la moneta.

 

Ma allora le commissioni che le banche hanno a cosa servono? Non bastano quelle a fare cassa?

ilducapazzoilducapazzo

Pubblicata IL 06/03/2012, ORE 15:12 | Aggiornata IL 04/04/2012, ORE 10:20
69Leggi le risposte

Risposte Geniali

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia