Immigrazione, i clandestini piaga moderna?

A Lampedusa, come nel resto d'Italia, d'altronde, il fenomeno della clandestinità sfiora la tragicità... Nei giorni scorsi, sui giornali, non ho fatto che leggere quanto fosse grave questa situazione e quanto ormai l'Italia non sia attrezzata a ricevere tutti questi clandestini disperati e senza alcuna collocazione. Mi chiedo allora, chi risolverà questa situazione e come?

johnnydoojohnnydoo

Pubblicata IL 29/12/2008, ORE 15:21
5Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • Purtroppo è il sistema che causa povertà. Coloro che hanno qualche soldo lo spendono per badanti in casa a basso costo. Colui che è meno povero sfrutta chi è più povero, e così via. Fa parte della sopravvivenza, non importa andare a cercare qualche potente o capitalista dei piani alti. Noi stessi, se possiamo pagare l'idraulico o l'artigiano al nero lo facciamo, risparmiando i soldi della fattura. Siamo tutti a lesinare i pochi soldi che abbiamo. E' una catena. Ormai ognuno leva qualcosa a qualcun'altro, anche solo per sopravvivere.

  • pasgar-gasppasgar-gasp

    Pubblicato IL 04/01/2009, ORE 10:31

    Appassionato di

    Scopri di più

    Sfruttatori, manovalanza a basso costo, disperati che attraccano e il buonismo che ci impone di accogliere... Tutto abbastanza vero e verosimile. E nessuno pensa a un possibile disegno (di matrice integralista araba)? Esistono statistiche riguardo il numero di arrivi e la loro esatta provenienza? Esistono statistiche riguardo a quanti palazzi (alti) hanno negozi gestiti da arabi alla loro base? E riguardo al fatto che siano quasi tutti in affitto, quindi non hanno proprietà da perdere? Dal canto mio spero che qualcuno abbia previsto sufficienti piani di difesa (quali?) contro eventuali guerre sante... 

  • Purtroppo l'immigrazione clandestina porta manovalanza a basso costo da sfruttare nell'agricoltura come nell'edilizia. La conseguenza di questo è la svalutazione della manodopera, che sta interessando anche lavori più qualificati. Questo porta ad un divario maggiore tra ricchezza e povertà. La povertà interessa fette di popolazione sempre più ampie, mentre i possessori di capitale e quindi di lavoro hanno di che guadagnare, avendo operai qualificati a costi più bassi e con minor garanzie, quello che sta avvenendo nel nord Italia dove le aziende hanno tra i lavoratori sempre più extra comunitari.

    La svalutazione del lavoro è causa di povertà nel nostro Paese. Lavoro precario, senza garanzie, e stipendi e salari nettamente più bassi rispetto al resto d'Europa. Con il carovita dell'Europa.

  • jobtwodottjobtwodott

    Pubblicato IL 02/01/2009, ORE 14:21

    Appassionato di affari e finanza, politica e istituzioni, storia e filosofia

    Scopri di più

    Forse la vera piaga moderna è o sono le ragioni che determinano il fenomeno delle migrazioni, anche clandestine.

    La soluzione o l'attenuazione dei fenomeni non può che passare da una seria analisi della corresponsabilità storiche, politiche,  sociali ed economiche nei confronti di questi popoli tribolati.

    Esattamente quello che non stiamo facendo eprobabilmente non vogliamo fare

  • wizardofozzywizardofozzy

    Pubblicato IL 29/12/2008, ORE 15:32

    Appassionato di

    Scopri di più

    Ci sarebbe molto da dire a riguardo, così tanto che non so da dove cominciare. Innanzitutto non mi spingerei così oltre da definirla "la nuova piaga della nostra società", anche se di fatto è un problema gravissimo perché la clandestinità non tutela nessuno, né il clandestino né i cittadini italiani.

    Io sono convinta che dietro alla clandestinità si nascondano molti sfruttatori, ladri e usurpatori che si servono del dolore della povera gente per far prosperare un'innumerevole quantità di attività illecite, contando sull'appoggio di persone disposte a tutto pur di uscire dalla disperazione della propria vita.

    I barconi che vediamo in Tv non sono che una parte dell'iceberg. Noi vediamo la punta, ma alla base c'è un commercio di anime che non pare aver fine.

    Il buonismo del nostro Paese ha portato spesso a situazioni come queste. Per non adottare una linea dura si chiudono gli occhi su una situazione insostenibile e per l'Italia e per i clandestini stessi, destinati nel nostro Paese a una vita di sfruttamento e abuso.

    Sono convinta che bisognerebbe fare due cose: 1) rafforzare le difese via mare, per impedire il traghettamento di sfollati sul nostro territorio, traghettamento che non porterà che alla prostituzione, schiavitù, accattonaggio... e 2) migliorare e ampliare le strutture che in Patria accolgono gli sfortunati che attraccano in Italia- potrebbero essere previsti dei periodi di educazione-formazione di queste persone per analizzare la loro situazione nel loro paese di appartenenza, consigliando, aiutando... So che è più facile a dirsi che a farsi, ma almeno potrebbe essere un inizio. Voi cosa ne pensate?

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia