Allarme Wcrf: ultimi 10 anni aumento del 20% di malati di cancro. "Un quarto evitabili", come? Qual è il cibo per prevenire tumori?

Settembre 2011 - Lancia l'allarme il World Cancer Research Fund (Wcrf): aumenta il numero dei malati di cancro in tutto il mondo. Negli ultimi dieci anni, le vittime di questa patologia sono cresciute del 20 per cento e attualmente sono 12 milioni all'anno le persone che sviluppano il cancro.Il Wcrf precisa che circa un quarto di questi casi è “evitabile”. Almeno 2,8 milioni di nuovi casi di cancro ogni anno sono collegati a dieta, esercizio fisico e obesità.Le cifre sono destinate a salire nei prossimi 10 anni. (Fonte: Agi)In una puntata di Report (trasmissione fondamentale, di seguito il video), un servizio sulla giusta alimentazione, dove il prof. Franco Berrino direttore del Dipartimento di Medicina Preventiva dellIstituto Tumori di Milano aiuta a capire cosa comprare al supermercato e come usare il cibo e le pietanze per curarsi!In breve:-ridurre il consumo di carni rosse per tumori apparato digerente -pane integrale con detrosio non va bene, lo zucchero è presente nel pane perchè gli ingredienti di base fanno schifo -farina 00 più grande veleno della nostra alimentazione, completamente raffinata e anche se bio... -zucca e porri (proprio autunnali) splendidi alimenti e anche cipolle sempre presenti sulla nostra tavola, fanno benissimo e contengono la quercetina sostanza che protegge dai tumori -il seme di sesamo è meraviglioso perché contiene calcio, tutta la frutta secca fa bene al cuore - le vongole prendi il ferro, ogni 15 giorni e vitamina b12, per chi nn mangia carne! -i cereali e i legumi ci danno tutte le proteine di cui abbiamo bisogno (riso integrale bio senza pesticidi è ricco di nutrimenti e qualità antinfiammatorie, quando una persona è malata, dice il professore, le consigliamo di mangiare solo riso integrale per un paio di giorni) -pane con semi di lino (contengono omega 3 e lignani e grazie a questi elementi ci si ammala un po' meno di cancro alla mammella, ma in realtà i semi di lino bisogna schiacciarli altrimenti il nostro organismo non li sintetizza, se non erro) Verso la fine del servizio, illuminante, si fanno esperimenti culinari, che ha dimostrato che modificando la dieta certe malattie o disfunzioni sono migliorate.La ricerca sulla prevenzione non ha interessi, come quelli che ruotano attorno ai farmaci. Il cuoco guaritore, è davvero possibile? E le case farmaceutiche potrebbero ostacolare questa visione?

inchemondosiamoinchemondosiamo

Pubblicata IL 08/10/2010, ORE 16:19 | Aggiornata IL 14/09/2011, ORE 09:14
5Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • Miglior Risposta

    against_lawagainst_law

    Pubblicato IL 08/10/2010, ORE 16:25

    Appassionato di

    Scopri di più

    "2,8 milioni di nuovi casi di cancro ogni anno sono collegati a dieta, esercizio fisico e obesità" questo dato è allarmante, siamo davvero quello che mangiamo e noi di schifezze ne mangiamo tante, quotidianamente, sino alla morte.Alimentazione per curarsi dalle malattie o per prevenire le malattie, perché no; la trovo una cosa naturale e ovvia, inoltre comprovata da molti studi e professori.Non me ne voglia contro_media, ma la sua risposta sulla dieta contro il cancro, è davvero utile:uno studio mastodontico del World Cacer Research Fund (WCRF) fatto a Londra nel febbraio 2009. Le fasi finali dello studio hanno accertato che rinunciando alle carni rosse e all'alcol, sostituiti con frutta e verdura, si ridurrebbero di un terzo l'incidenza dei tumori in tutto il mondo. Il 39% dei 12 tumori più frequenti potrebbe essere tranquillamente e evitato con una dieta sana.Mangiando più ortaggi freschi e frutta di stagione ed evitando l'alcol ecco le percentuali di cancro che si potrebbero abbattere:-il 43% in meno di tumori all'intestino (e evitando le carni rosse e assumendo fibre)-42% in meno di cancro al seno (zero alcol, esercizio fisico e peso sotto controllo)-67% in meno tumori bocca, faringe e laringe-75% in meno per cancro all'esofago (e un peso sano)-45% in meno di cancro allo stomaco (e meno sale)Ralativamente alla tua domanda sulle case farmaceutiche, sicuramente non conviene a queste mutlinazionali dei farmaci che le persone prendano atto che il cibo può essere utilizzato con un farmaco portentoso. Proprio sulle Big Pharma (ovvero le grandi multinazionali farmaceutiche) ecco un video (in inglese ma sottotitolato in italiano) che spiega quanti soldi girano e i loro interesse nella tua malattia

    Ovvero: "Le industrie farmaceutiche monopolizzano l'informazione sulla nostra salute e creano quotidianamente nuovi malati per aumentare i loro guadagni.La Big Pharma non ha nessun interesse a che il paziente guarisca ma, anzi, l'intento spesso è quello di causare nuove malattie per alimentare la vendita di nuovi medicinali.Su questo mercato vengono corrotti anche i medici e le riviste che, per denaro, prestigio e regali, assecondano il gioco delle multinazionali della malattia indotta."

    1 commento:

    • ice_picenoice_piceno

      Pubblicato IL 29/08/2012, ORE 10:54

      Appassionato di

      Scopri di più

      Non credo ad un simile complotto da parte delle case farmaceutiche. Credo piuttosto che facciano quallo che fanno le industri alimentari: CI DANNO QUELLO CHE VOGLIAMO! Se sui banchi dei supermercati vanno a ruba le mele grosse come cocomeri e le altre languono in un angolino... Oppure abbiamo mal di testa e vogliamo che ci passi in un lampo... Recuperare le sane abitudini (alimentari e comportamentali) costa frustrazioni, tempo e fatica. La prevenzione è un'attività quotidiana: cercare il cibo sano, cucinarlo in maniera sobria ed adeguata, rispettare gli orari fisiologici... Per non parlare del rapporto con gli altri: ti trattano come se fossi un rompiscatole, uno all'antica, uno che non si lascia andare... Poi, quando stanno male, ripetono le solite frasi idiote "Meglio un giorno da leone che cento da pecora" oppure "Che senso ha morire sani, visto che tanto ci tocca?". E intanto io pago. Il nostro sistema sanitario è la spesa più grande dello Stato italiano...

  • manupej74manupej74

    Pubblicato IL 14/09/2011, ORE 16:47

    Appassionato di

    Scopri di più

    Se stessimo dietro a tutto quello che ci dicono, non dovremmo più mangiare nulla ( eliminare carne, pesce : qualcuno sostiene che essendo il mare inquinato...,formaggi, pomodori, melanzane, ecc), bere nulla, fare nulla ( se solo usciamo di casa, smog, amianto, pesticidi ecc), pensare a nulla ( pensare troppo fa male! ). Non dovremmo più vivere!!! Ed è inaccettabile fare una vita di rinunce per morire cmq malati! Perchè ci sono casi ecclatanti di persone malate che hanno sempre adottato uno stile di vita a dir poco morigerato...e allora? allora viviamo, senza esagerare! e quando e se sarà, usiamo anche la testa! perchè se qualcuno guarisce, e in realtà non sono pochi, un motivo c'è! e velatamente ce lo hanno anche detto come si cura...non certo introducendo metalli e simili, che altro non fanno che appoggiarsi immediatamente sui nostri organi! Tanto che, nella maggioranza dei casi, cedono fegato e reni...a buon intenditor

    1 commento:

    • ice_picenoice_piceno

      Pubblicato IL 22/08/2012, ORE 10:17

      Appassionato di

      Scopri di più

      Le solanacee (melanzane, pomodori, patate, peperoni) contengono solanina (sostanza tossica), quindi sarebbe meglio evitarle. Ci sono tutti gli altri vegetali (e non sono pochi) che non hanno certe controindicazioni e fanno solo bene, fino a curare. Per la carne poi basta pensarci su un attimo: è una carogna con tutti i metaboliti del caso (quali cadaverina, putrescina, ptomaine, scatòlo) altamente tossici, oltre ad essere altamente acidificante per l'organismo. Rimanere sani con una corretta alimentazione non vuol dire fare una vita di rinunce, ma vuol dire riscoprire i sapori naturali e mandare a quel paese tutti quei produttori senza scrupoli di alimenti ruffiani che "viziano" i nostri gusti e quelli dei nostri figli. E scusa se è poco...

  • toscana2010toscana2010

    Pubblicato IL 20/10/2010, ORE 11:00

    Appassionato di toscana, tuscany, viaggi

    Scopri di più

    Da quello che i dottori hanno sempre detto il cibo non guarisce, il cibo può solo prevenire, una corretta alimentazione può pero aiutare le difese immunitarie e quindi permettere di rafforsarzi! By Toscana

    1 commento:

  • henryavery203henryavery203

    Pubblicato IL 15/10/2010, ORE 10:21

    Appassionato di

    Scopri di più

    secondo me è importante alimentarsi in maniera adeguata innanzitutto per stare bene fisicamente e anche mentalmente.Sono d'accordo che ortaggi, frutta, verdura contengono molti antiossidanti e vitamine. I legumi sono ricchi di proteine e le fibre regolano l'intestino. Per evitare tumori è chiaro che si devono evitare abbonati dosi di carne rossa, evitare l'alcool. Le rogole da rispettare sono queste!!Non ci sono dubbi!! ps: consiglio anche il the verde e integratori di betacarotene ricchi di antiossidanti.L'unica cosa che mi chiedo è che se tutti i cibi che mangiamo siano sani compresi frutta verdura e ortaggi. Della carne che sia "avvelenata" ne sono certo.inoltre è piena di antibiotici e altri farmaci che somministrano alle bestie in quantità indistriale,per questo quando li prendiamo nn hanno grande effetto

    Per quanto riguarda i farmaci andrebbero presi solo quando è strettamente necessario, se pensiamo ai danni che fanno farmaci come gli antibiotici che letteralmente significa anti - vita. e anche a anti infiammatori come l'aulin devastanti per l'apparato digerente.

    Poi di un'altra cosa sono convinto: le case farmaceutiche avrebbero già una cura sia per i tumori che per altre malattie se solo volessero...il guaio è che hanno bisogno di vendere medicine e quindi non hanno interesse a curare le malattie e quando ne curano una con una medicina - la stessa medicina crea problemi in un'altra parte del corpo..e serve un'altra medicina e case farmaceutiche continuano a guadagnare.

  • v4vendetv4vendet

    Pubblicato IL 08/10/2010, ORE 16:27

    Appassionato di ambiente, ambiente e natura, animali, attualità, informazione, news, politica

    Scopri di più

    certo che il cibo se usato in un certo modo agisce come farmaco, sapete che questi argomenti mi interessano tanto, ho studiato un po' prima di rispondere alla domanda sul digiunohttp://genio.virgilio.it/questions/Digiuno_fa_bene_salute_e_benessere_5187195317166Adoro il cavolo nero, la ribollita toscana (cavolo nero, fagioli cannellini e pane raffermo o tostato in forno) è uno dei piatti autunnali che prediligo, assieme a zucca e porri! E leggo in questo articolo che: grazie alla presenza di speciali inibitori (indoli), il cavolo nero è considerato un alimento utile nella prevenzione di numerose forme tumorali (cancro al colon, al retto, allo stomaco, alla prostata e alla vescica), nonché dell'ulcera gastrica e delle coliti ulcerose. Alto contenuto di vitamina C e dal bassissimo potere calorico (da 19 a 25 kcalorie). Per sfruttare al meglio delle preziose proprietà nutrizionali e terapeutiche dei cavoli è consigliabile eliminare la costa delle foglie più grandi in modo da ridurre i tempi di cottura a non più di quindici-venti minuti, pochissima acqua, o meglio ancora preferire la cottura a vapore o stufato. Come tutte le verdure una cottura prolungata, oltre a distruggere gran parte delle vitamine, può renderle indigeste e di odore sgradevole a causa della maggiore liberazione dei composti solforati.il cavolo è un alimento molto nutriente, che era dato alle gestanti per avere il giusto apporto di vitamine e sali minerali.Inoltre era raccolto nove mesi dopo la semina, esattamente come avviene per le gestanti. Ecco perché si dice che i bambini nascono sotto i cavoli!Siccome questa risposta non mi soddisfava abbastanza, ho cercato sul web altre ricette portentose legate alla parte del tuo video dove si parla delle ricette "mediche" contro il cancro e altre malattie. Le ho trovate!  Sarde marinate in padellaLo chef Giovanni Allegro, della Scuola di cucina dell’Istituto nazionale tumori di Milano, propone delle ricette sane e utili per prevenire il tumoreIngredienti per sei persone:800 g di sarde fresche;100 g farina tipo 2;2 limoni;5 C. aceto di riso;1 C. prezzemolo tritato;q.b. sale, pepe.PreparazioneDiliscate e lavate bene le sarde, e mettetele a bagno nell'aceto per venti minuti. Scolatele, asciugatele con un po' di carta da cucina e infarinatele. Friggetele in padella con poco olio extravergine e unite una spolverata di prezzemolo tritato verso la fine. Salate e pepate. Servite decorando il piatto con quarti di limone. Involtini di riso e verzaIngredienti per 4 persone2 tazze di riso semintegrale;1 verza;1 porro;1 cipolla;1 carota;1 gambo di sedano;30 g di funghi secchi;5 tazze di brodo vegetale;2 cucchiai di olio di oliva;brodo vegetalePreparazione:Sfogliare la verza assottigliando la costa centrale e far sbollentare velocemente le foglie in acqua bollente leggermente salata. Intanto preparare il riso seguendo la ricetta del “risotto con verdure” sopra descritta fino alla tostatura del riso. Formare gli involtini mettendo un cucchiaio di riso nel centro della foglia, arrotolando e sigillando l’involtino, facendo rientrare nell’interno i lembi ai lati della foglia. Disporre gli involtini in una pentola bassa in un solo strato, coprire di brodo e cuocere per 25 minuti circa Filetti di merluzzo gratinatiIngredienti per sei persone:500 g di filetti di merluzzo freschi;4 filetti di acciuga sott’olio;50 g di pangrattato;3 spicchi d'aglio;2 cucchiaini di prezzemolo tritato;1 limone;q.b. olio extravergine;q.b. sale e pepe.Sintesi della ricetta:Cottura = 20'Dose = 6 personeCalorie = 164 per porzionePreparazioneDisponete i filetti di merluzzo in una pirofila unta e spolverizzateli con sale e pepe. In una scodella amalgamate i filetti di acciuga tritati e il prezzemolo e condite con olio extravergine. Spalmate questa salsa sul pesce, cospargete con pangrattato e passate in forno a 160° per 20 miQui, su La Repubblica,  ce ne sono una valanga:http://canali.kataweb.it/salute/tag/ricette-anti-cancro/

    1 commento:

    • ice_picenoice_piceno

      Pubblicato IL 29/08/2012, ORE 10:15

      Appassionato di

      Scopri di più

      Brava "v4vendet". Per la cottura dei cavoli (e delle altre verdure del tipo) suggerirei di spezzettarli a mano (agendo sui gambetti) per ridurre i tempi a soli 8 minuti in pentola a pressione con un filo d'acqua. Altra accortezza: il prezzemolo non va mai cotto, perchè diventa tossico. Infine tanto, tanto riso integrale. Per insalate cuocetelo con fiamma bassissima e frangifiamma in acqua nel doppio del suo volume (1:2) per 45 min, sempre con coperchio e senza mai mescolare. Quando è tiepido mescolate per sgranare.

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia