Il sale fa male? Come si può sostituire?

Quanto sale mangiamo attraverso i cibi industriali? Il sale fa male all'organismo? Si può completamente eliminare dalla dieta oppure serve al nostro corpo? Sale integrale, iodato o rosa, quale andrebbe scelto?

Come si controlla se un alimento confezionato contiene sale? Come si riconosce il sale integrale da quello normale?

meldegeresmeldegeres

Pubblicata IL 12/02/2010, ORE 17:16 | Aggiornata IL 09/11/2010, ORE 16:10
14Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • bruno726bruno726

    Pubblicato IL 10/04/2013, ORE 11:52

    Appassionato di

    Scopri di più

    ma la dieta meditterranea non era la migliore? che il troppo strorpia lo sappiamo tutti?

  • giulia1900giulia1900

    Pubblicato IL 19/11/2011, ORE 20:38

    Appassionato di amore, diablo, salute e benessere

    Scopri di più

    Per  sostituire  il  sale  si  possono  sempre  aggiungere  delle  erbe  aromatiche    che  conferiscono  un  sapore    saporito  e gradevole    ai  cibi  cotti  o  crudi.

  • tiptap6699tiptap6699

    Pubblicato IL 20/05/2011, ORE 10:49

    Appassionato di

    Scopri di più

    So che fa meglio il sale marino integrale (non quello iodato) e se possibile sostituirlo addirittura con il sale rosa dell'Himalaya. Anzi di quel sale il nostro organismo ne ha proprio bisogno!!!

  • presidente113presidente113

    Pubblicato IL 12/03/2011, ORE 17:57

    Appassionato di

    Scopri di più

    il sale provoca l'aumento della pressione, in quantità moderate e indispensabile alla nostra vita

  • Un’alimentazione ricca di sale è stata additata come causa di ipertensione, fattore che contribuisce all’infarto. Pertanto gli esperti in campo sanitario di solito raccomandano un consumo giornaliero che non superi i sei grammi. Comunque, secondo studi recenti pare che un minor consumo di sale non faccia abbassare sensibilmente la pressione in soggetti ipertesi e che influisca ancor meno su soggetti con pressione del sangue normale. Uno studio pubblicato in una rivista medica sosteneva che le persone con un’alimentazione povera di sale erano più soggette all’infarto di chi consumava una quantità di sodio normale; lo studio concludeva dicendo che “un’alimentazione povera di sodio potrebbe avere più svantaggi che benefìci”. (The Lancet, 14 marzo 1998) Un articolo di una rivista medica canadese diceva che “attualmente a chi non soffre di ipertensione non si raccomanda di diminuire l’assunzione di sale, perché non ci sono prove sufficienti che dimostrino che ciò ridurrebbe l’incidenza dell’ipertensione”. — Canadian Medical Association Journal, 4 maggio 1999. Significa questo che non bisogna preoccuparsi di quanto sale si mangia? Come per tutte le questioni legate all’alimentazione, la parola d’ordine è moderazione. Evitate di mangiare troppo salato, di limitare il sale quando si cucina e di cercare di non aggiungere sale a tavola. Ma se avete problemi di ipertensione o di cuore, seguite i consigli del vostro medico.

    1 commento:

  • nick.342nick.342

    Pubblicato IL 02/10/2010, ORE 22:17

    Appassionato di

    Scopri di più

    il corpo ha bisogno del sale(0.4gr circa) tuttavia i problemi iniziano dopo aver superato questa soglia(come hanno ben detto gli altri) il sale puo essere sostituitoin parte ad esempio dalle varie spezie ke si trovano in natura.consigliabile il sale iodato dato ke lo iodo,di cui il corpo necessita,si trova in poki cibi  

  • apierobonapierobon

    Pubblicato IL 02/10/2010, ORE 19:48

    Appassionato di

    Scopri di più

    L'abitudine ad aggiungere sale agli alimenti non è nociva a breve termine. L'abbondanza di sodio, altre ad alterare l'equilibrio sodio-potassio a livello cellulare ed a favorire la ritenzione idrica, piano piano irrigidisce vene ed arterie. Quindi a parità di età una persona che ha fatto uso di sodio ha le arterie e vene più rigide e quindi il cuore per assicurare la circolazione deve fare maggior sforzo pompando a pressione più alta con le conseguenze note.

    Ciò è quello che mi è successo.

    Occorre sottolineare come, oggi come oggi, il sale è un grande alleato dell'industria moderna poichè permette di vendere prodotti di trasformazione o anche di ritrasformazione che stante la pessima qualità della materia prima senza un'abbondante dose di sodio non sarebbero mangiati nemmeno dal più affamato degli animali.

    Quindi a mio parere: Tanto sale = poca qualità.

     

    Saluti

    a.p.

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia