Come funzionano i caloriferi?

Come funziona un calorifero tradizionale?

ponziponzipaponziponzipa

Pubblicata IL 28/12/2009, ORE 14:43
2Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • zio.aladinozio.aladino

    Pubblicato IL 28/12/2009, ORE 14:53

    Appassionato di

    Scopri di più

    Il calorifero o termosifone é un circuito idraulico in cui si instaura una circolazione convettiva a causa della sola differenza di densità tra volumi di fluido a temperature diverse.

    Nell'uso comune il termine termosifone si è esteso ad indicare i singoli radiatori o caloriferi, anche se in molti casi l'impianto non adotta il principio omonimo.Si consideri un circuito chiuso ad anello disposto su un piano verticale. Se si scalda una parte laterale del tubo, l'acqua al suo interno diminuisce di densità e tende a salire nella parte superiore dell'anello, spingendo verso il basso l'acqua più fredda già presente.L'acqua giunta nella parte superiore della metà opposta dell'anello (lato freddo) inizia a cedere calore verso l'esterno, aumentando di densità e scendendo verso la parte inferiore del circuito. Da qui viene richiamata a sostituire l'acqua che a causa del riscaldamento si sposta nella parte superiore, completando il ciclo.

    Negli impianti moderni si preferisce provocare la circolazione dell'acqua per mezzo di pompe, secondo una soluzione definita circolazione forzata. La circolazione forzata offre diversi vantaggi, tra cui un flusso d'acqua più veloce oltre alla possibilità di alimentare radiatori posti anche alla stessa quota della caldaia o addirittura inferiore, come capita nei piccoli impianti autonomi.

    Ciao!

  • apecollaapecolla

    Pubblicato IL 28/12/2009, ORE 14:47

    Appassionato di

    Scopri di più

    Il calorifero è una parte radiante del sistema di riscaldamento delle attuali abitazioni.

    Oggi questo sistema di riscaldamento negli ambienti dove le condizioni climatiche e le escursioni termiche sono piu costanti, viene sempre più sostituito con quello a pavimento perché più comodo e con consumo minore d'energia.Generalmente ne viene installato uno in ogni stanza, collegato tramite dei tubi ad una caldaia, che per mezzo di pompe immette acqua calda nel calorifero stesso.La caldaia è solitamente collegata ad un termostato che ne regola l'accensione e lo spegnimento a seconda della temperatura desiderata e nei tipi più sofisticati, anche dell'orario.Esistono anche caloriferi elettrici che funzionano riscaldando per mezzo di una resistenze l'acqua o l'olio presenti al loro interno.Il calorifero è provvisto di diverse valvole:

    * Spurgo, valvola che permette la rimozione dell'aria accumulata nel calorifero.

    * Detentore, valvola posta in uscita dal calorifero (generalmente nella parte bassa dello stesso) che regola la velocità massima del fluido nel calorifero, dove generalmente viene chiusa per i caloriferi piu vicini alla caldaia e aperto per i caloriferi piu lontani da questa, in modo da poter ridurre le vibrazioni degli stessi e ridistribuire meglio i fluidi.

    * Valvola termostatica regolabile, valvola posta in ingresso del calorifero e che tramite una regolazione della stessa permette di regolare (limitare) la temperatura massima del fluido in ingresso.

    Buona giornata!

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia