Al macellum il porcellum: ma come? In che modo cambiare la legge elettorale?

Come cambiare la legge elettorale? Di sicuro la legge porcellum deve andare al macellum. Ma quale sarebbe la via d'uscita? E soprattutto i nostri parlamentari quando hanno intenzione di metterci mano dato che in primavera si torna a votare?Come ha detto lo stesso ideatore della legge, l'onorevole Calderoli: è una porcata...

v4vendetv4vendet

Pubblicata IL 24/11/2010, ORE 17:36 | Aggiornata IL 24/11/2010, ORE 17:41
6Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • Trovare l'accordo tra tutti i parlamentari come hanno fatto quando hanno votato questa. L'importante è non cambiarla mentre si gioca per vincere la partita. Nelle regioni dell' Emilia Romana e Toscana questa Legge và benissimo perchè consente di governare, e non è poco.Basterebbe aggiungere l'antiribaltone per evitare di trovarci nella situazione attuale.

  • la legge elettorale fu voluta da: udc rifondazione comunista pdci e tutti i partitini che non avendo alcun candidato che poteva vincere con il precedente maggioritario ricattarono la lega, forza italia la margherita e i ds.

    quinid calderoli quando la definisce porcata dice quello che pensava anche allora. non fu lui l'ideatore della laegge.

    cambiarla? solo dopo un nuovo voto perchè adesso nessuna forza politica ha nel suo mandato elettorale questo punto. e sopratutto cambiarla lasciando anzi rafforzando il premio di maggioranza.

  • lupo376bat26-bzlupo376bat26-bz

    Pubblicato IL 26/11/2010, ORE 12:59

    Appassionato di amore

    Scopri di più

    ci vuole volontà, gente responsabile, intelligente, e che guardi all'interesse della nazione, cosa che, per il momento, il panorama politico non ci offre,,peccato.

  • inchemondosiamoinchemondosiamo

    Pubblicato IL 24/11/2010, ORE 17:58

    Appassionato di attualità, informazione, news

    Scopri di più

    certo che anche se si cambiasse la porcellum con una legge elettorale, banalmente costituzionale, il voto potrebbe riacquistare valore se in alcune zone d'italia i voti non fossero vendibili: e per favori e per clientelismi vari.

    Non per citare il protagonista del momento ma Saviano qualche mese fa disse: nella mia zona i voti si comprano per 50 euroL'autore di "Gomorra" e le elezioni: nessuno vincerà se si ignora la criminalità organizzata"Le mafie dominano un terzo del Paese e condizionano interi settori dell'economia legale"Se un voto si compra con cinquanta eurohttp://www.repubblica.it/2008/03/sezioni/cronaca/saviano-minacce/voti-venduti/voti-venduti.html

  • kia.orakia.ora

    Pubblicato IL 24/11/2010, ORE 17:48

    Appassionato di

    Scopri di più

    legge porcellum al macellum ahahah son d'accordo. E credo che in molti la pensino così, il problema è che quelli che stanno in parlamento devono trovare una legge elettorale che metta tutti d'accordo...Come dice Grillo, siamo andati a votare con una legge ANTI-COSTITUZIONALE, inoltre abbiamo fatto un referendum per cambiare la legge elettorale

  • contro_mediacontro_media

    Pubblicato IL 24/11/2010, ORE 17:42

    Appassionato di ambiente, attualità, controinformazione, informazione, news

    Scopri di più

    la legge elettorale deve essere modificate prima delle prossime elezioni, altrimenti il popolo italiano continua a non poter influire con il suo voto alla composizione "floreale" della rappresentanza parlamentare.Per chi avesse un po' di confusione sulla modalità della legge elettorale porcellum, ecco un abstract preso dal sole24ore:<<Pur non licenziando del tutto i meccanismi del sistema maggioritario, la legge elettorale «Porcellum» ha dato particolare rilevanza al "voto di partito".In particolare, il 55% dei seggi della Camera dei deputati viene assegnato allo schieramento che ottiene il maggior numero di voti. Per quanto riguarda invece il Senato, il computo è un po' diverso. Tra le coalizioni o le singole liste ammesse si procede alla divisione dei seggi spettanti alla regione, applicando la formula proporzionale dei quozienti interi e dei più alti resti. Se con questa operazione nessuna coalizione o lista raggiunge la quota di maggioranza corrispondente al 55% dei seggi della regione, questa cifra viene automaticamente assegnata alla coalizione o lista singola con il maggior numero di voti. Il rimanente 45% dei seggi viene suddiviso tra le altre coalizioni e liste singole. Dopo di che scatta la suddivisione interna, vale a dire, a loro volta, i seggi conquistati dagli schieramenti saranno ripartiti fra le liste collegate (ricorrendo ancora alla formula dei quozienti interi e dei più alti resti)>>Bisognerebbe cambiarla in questo senso: io elettore non voto il partito, ma delle persone e proprio quelle persone devono governare il mio Paese. Troppo banale?

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia