Spiegatemi questo episodio avvenuto fra me e Pulcinella:Er sogno più che strano ha da esse ...

Spiegatemi questo episodio avvenuto fra me e Pulcinella:

Er sogno più che strano ha da esse strano

Scusame a Carmè,  io nun ce posso nun penza,

dimme ‘n po’, ma Purcinella diceva sempre a verità?

Oppuro, ‘gni tanto, pe’ qualsivoglia ragione

De botto, te se metteva a dì quarche strafarcione?.

Giovà, stamme a sentì, a mogliera la notte ha da durmì.

E adduormete n’atu ppoco, a vuòi o nu a vuoi furnì?.

Eh sso ddu ore che t’avvoti int’o lietto, ma oh ssai cor’è?

Poi..., dimane, tengo troppo da fa e mò so già ettrè.

Carmè, ma aricordete, che me te s’ho sposato da romano

E così so rimasto; o rimurgini che so napoletano?

Giovà, romano, abruzzese, napoletano, ma che stai dì?

Mò,  propete, oh bì, appiccio a luce e me te mitt'a ssentì.

Anzi, ciò piaciere e sapè chillo ch’int’o suonno t’ha ritto

Stuomm’e pulecenella, pe fatte zumpà a copp’o lietto|

-Lassa!, comme tiene a mmente, Lassa, comme tiene a mmente-.

M'ha detto Pulcinella, ma fosse diventato un pò demente?

Perchè,  'na cosa che me viene in mente,  l'ho da lascià?

forse ha vorzuto dì, che, proprio..... nun devo più penzà.

Sì, parole de n’artista a n’artro artista, ma dette cò dispetto,

pè questo ha vorzuto parlamme in sonno, nun è un sospetto.

Nun poteva aricordammelo spiaccicando la frase in romanesco?

E, nò. Ma che stò a dì; pè rispetto a te, solo napoletanesco!.

Giovà, er suonno mè passato e a nervatura è al terzo stadio,

famme o piacere, tatte sitte, nun sciatà, mò appicce a rradio.

Dio mio, ma tu hai capito, o nò, Giova!, chillo che sta succìedenno

co tutti quei cinesi in Tibèt, propete all'ato capo do munno.

Giovà, Pulecenella che nun mente, sti ccose e ddice a tutti i costi.

Le genti a Lahor e Thienn-a-men l'hanno fatti arrosti

Nel senso de vituperati, chiacciati, bombardati, massacrati

In nome della libertà, sti popoli sò morti pè nun esse soggiogati.

Mò, però, amore mio, Pulecenella nun me l’hai più da toccà,

Perchè da che munno è munno, ha sempe ritt’a verità.

E io concludo pè nun esse un burino:

a verità come Pasquino, amore mio, come Pasquino.

Giovanni Lo Curto

giovannilocurtogiovannilocurto

Pubblicata IL 18/03/2008, ORE 19:28 | Aggiornata IL 18/03/2008, ORE 19:45
1Leggi la risposta

Risposte Geniali

Fai una domanda

Invia