ENTRA Partecipa anche tu! Registrati

Pareggio in bilancio è legge: Senato ha detto sì. Ma che cos'è? E che effetti avrà sui cittadini?

Il Senato ha approvato con 222 voti a favore e 4 contrari il decreto legge di attuazione del pareggio in bilancio inserito in Costituzione. Enrico Morando, senatore del Pd, ha commentato così la cosa "Approvando questo ddl il bilancio non sarà più una legge formale ma sostanziale e ciò modificherà profondamente il lavoro parlamentare attorno a questa fondamentale materia. Nonostante fossero necessari diversi cambiamenti alle norme contenute nel ddl il Pd vota con forza questo provvedimento, poiché è da questa legge che l'Europa e il mondo valuterà la nostra credibilità internazionale nel fare fronte agli impegni". 

 

Qualche tempo fa Ferrero aveva lanciato un appello per fermare il pareggio in bilancio "In Italia nessuno sa niente perché questi si comportano come ladri nella notte. Inserire in Costituzione l'obbligo del pareggio bilancio è una misura neoliberiosta che condanna il paese alla recessione, il nostro stato non può spendere più a deficit. Se raggiungerà l'approvazione di più di 2/3 del senato non ci sarà l'obbligo a proporlo come referendum agli italiani. Tutti parlano di Bossi, ma nessun accenno a ciò che cambierà la vita degli italiani" Ecco il video

Ma che cos'è il pareggio in bilancio? E che effetti avrà su di noi?

maurizietto27maurizietto27

Pubblicata IL 21/12/2012, ORE 11:22 | Aggiornata IL 21/12/2012, ORE 11:48

Appassionato di

Scopri di più

Risposte  


  • Miglior Risposta

    cicloturista157cicloturista157

    Pubblicato IL 21/12/2012, ORE 12:32

    Appassionato di Calendari 2013

    Scopri di più

    la risposta giusta e' non pagare piu' che paghino chi ci ha portato in

    questo stato, cioe' i politici

    3 commenti:

    • pereppeppiu66pereppeppiu66

      Pubblicato IL 22/12/2012, ORE 10:36

      Appassionato di

      Scopri di più

      No, non votare a questi gli fai un baffo ... bisogna uscire dal sistema e dettare noi le regole . Una possibilità con il Movimento 5 stelle c'è. Quali sono le regole da adottare?: In parte quella del modello francese (tenete presente che la defiscalizzazione in Francia che è un paese area euro tra i più simili al nostro, verso i nuclei familiari da sempre ha dato la possibilità di riavere da 1500 euro fino a 2500 euro in più a famiglia all'anno, su calcolo stipendi medi 1300 euro - 2200 euro). Taglio ai fondi partiti, riviste, quotidiani stipendi gonfiati manageriali pubblici etc. Altra regola (Vedere intervista REPORT con Monti con tanto del suo OK su proposta della redattrice del programma) è l'introduzione della moneta elettronica scoraggiando la liquidità, applicando una trattenuta del 30 % al prelievo e un 30% al deposito. Risultato :Ops evasione fiscale completamente monitorata nei database , emersione del "nero" azzerata (non converrebbe più ne a chi riceve il denaro in contante ne a chi lo versa), estrema difficoltà nelle società del Malaffare nell'esercitare riciclo di denaro sporco.

      Segnala come non appropriato

    • nonsotutto7nonsotutto7

      Pubblicato IL 22/12/2012, ORE 16:49

      Appassionato di amore, esoterismo e mistero, hobby, musica, sessualità

      Scopri di più

      Potrebbe contribuire alla diminuzione della spesa pubblica la diminuzione degli stipendi dei politici e i loro privilegi maledetti.

      Segnala come non appropriato

    Leggi Tutti i commenti

  • poetamaleficopoetamalefico

    Pubblicato IL 21/12/2012, ORE 11:26

    Appassionato di

    Scopri di più

    Pareggio di bilancio, come obbligo costituzionale, significa che lo Stato è obbligato dal Fiscal Compact (trattato europeo, intergovernativo) a spendere 100 per i suoi cittadini per poi riprendersi in toto questi 100 soldi (attraverso le tasse). In pratica a noi cittadini non rimane niente, zero soldi. Lo Stato smetterà per sempre di darci più soldi di quello che ci tassa. E lo hanno inserito nella nostra Costituzione assieme ai diritti inalienabili della nostra carta. Il bene collettivo, l'interesse pubblico e il concetto di Stato vengono definitivamente scardinati da una norma che lascia carta bianca ai mercati. I quali decideranno le nostre sorti, gettandoci nella miseria e nell'abbrutimento di una vita priva di dignità.

     

    Come scrive Barnard "Già dai tempi di Berlusconi l’Italia ha un surplus di bilancio primario e questo significa che se si escludono dai conti dello Stato italiano gli interessi che deve pagare sul suo debito pubblico, esso già da tempo incassa ogni anno più di quanto spende. Quindi già da tempo l’Italia ha non solo raggiunto quel pareggio di bilancio che Draghi e Merkel vorrebbero nel nostro futuro, ma da anni l’Italia ha un surplus di bilancio in realtà.

     

    Questo surplus di bilancio significa che lo Stato da anni ci sta tassando più di quanto spende per noi; significa in altre parole che da anni lo Stato sta prelevando dai nostri conti correnti più denaro di quando ve ne versa, ed è in attivo".

     

    E continua dicendo "Nella realtà i conti annuali (entrate e uscite) del nostro Stato sono in attivo da tempo (surplus di bilancio), e questo significa che da tempo ci tolgono più denaro di quanto ce ne diano in stipendi, servizi pubblici, opere. Oggi con l’Euro non sovrano che lo Stato non può emettere ma solo prendere in prestito dall’esterno, per pagare quegli interessi sul debito pubblico il Tesoro è costretto a venire a batter cassa da noi".  

     

    Ma per capirne di più ecco un video di Barnard che spiega molto bene come funziona il pareggio in bilancio

     

     

    3 commenti:

    • erie5erie5

      Pubblicato IL 22/12/2012, ORE 10:20

      Appassionato di

      Scopri di più

      Post e video estremamente chairificatori. Gli italiani dovrebbero correre ai ripari, come? Basta con il classico "armiamoci e partite!" Si deve fermare questa politica che ci sta distruggendo e reindirizzare tutto in altra direzione. Ci servono idee subito e serve, soprattutto, agire! erie5

      Segnala come non appropriato

    • claudio1196claudio1196

      Pubblicato IL 06/03/2013, ORE 11:04

      Appassionato di

      Scopri di più

      inserire il fiscal compact in costituzione non è una misura neo-liberista è una misura neo-dittatoriale ebetista di cui pagheremo le conseguenze a breve, persino un liberista convinto come Martino non l'ha votata essendo una persona onesta intellettualmente e in grado di capire che in questi momenti si ottiene l'effetto contrario..............

      Segnala come non appropriato

    Leggi Tutti i commenti

  • shivadasshivadas

    Pubblicato IL 21/12/2012, ORE 12:17

    Appassionato di

    Scopri di più

    Carissimi Maurizietto e Poetamalefico, il "grande crimine" oramai è giunto ad uno stadio troppo avanzato e non ci resta che rendere testimonianza su internet. Sotto questo aspetto siete tra i più bravi nello spiegare con lucidità e semplicità i termini della questione. Ciò che fa ridere è che il PD si fa vanto di avere approvato questa legge. Una legge che mette una pietra tombale su qualunque politica Keynesiana o neokenesiana. Pensate che anni fa la destra e la sinistra sotto il profilo della politica economica si distinguevano proprio sotto questo aspetto. Siamo al trionfo dell'ultraneoliberismo con il bene placito della sinistra italiana. Addirittura un liberista vero come Martino è stato il solo a non votare lo scempio del fiscal compact, con un intervento in parlamento con cui criticava in chiave liberista la follia che veniva perpetrata. Buone feste a tutti.    

    2 commenti:

  • mario1851mario1851

    Pubblicato IL 21/12/2012, ORE 12:28

    Appassionato di

    Scopri di più

    A questo punto non ci resta che appellarci al ns Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, in quanto, garante della costituzione, si rifiuti di firmare il ddl.     Se e' vero quello che hanno scritto Ferrero e Barnard, Il Capo dello Stato dovrebbe stare dalla parte dei cittadini.  

    10 commenti:

    Leggi Tutti i commenti

  • esmeralda553esmeralda553

    Pubblicato IL 21/12/2012, ORE 12:30

    Appassionato di

    Scopri di più

    A questo punto  ..........QUALE è il FUTURO DEI NOSTRI FIGLI E NIPOTI SIGNORE PRIMO MINISTRO?

    1 commento:

    • emi0954emi0954

      Pubblicato IL 21/12/2012, ORE 14:35

      Appassionato di

      Scopri di più

      Pure prima non è che la vedessi molto bene ! Anzi è da molti anni che è nera. E pure quando ero ragazza e cercavo lavoro non erano affatto rose e fiori. Invece direi che non abbiamo fatto passi avanti assolutamente. Il paese Italia non è cresciuto nonostante l'uomo dei miracoli ed i suoi accoliti. Sarà ora di cambiare ?

      Segnala come non appropriato

  • arcangelo118arcangelo118

    Pubblicato IL 21/12/2012, ORE 12:35

    Appassionato di

    Scopri di più

    la  risposta giusta è che si parla di tutto e di tutti ma nessuno parla oppure fa una legge per mandare a casa tutti quella massa di ladroni  della CASTA,tutti rubano e nassuno gli chiede di restituire il mal tolto,per  poi mandarli tutti a casa senza lavoro, e senza stipendio, ancora una volta il popolo italiano dimostra che ha le palle sotto i piedi avanti così mie prodi !

    5 commenti:

    • rigo41rigo41

      Pubblicato IL 22/12/2012, ORE 21:55

      Appassionato di

      Scopri di più

      la legge c'e la dobbiamo fare da soli quando siamo nella cabina elettorale, anzi prima facendo invalidare la propria scheda.

      Segnala come non appropriato

    • claudio1196claudio1196

      Pubblicato IL 31/12/2012, ORE 19:06

      Appassionato di

      Scopri di più

      Ma cosa stà dicendo.lei è uno di quei polli che becca il mangime gettatoci dalla Germania.Bisogna tornare a fare,il prima possibile, ciò che da anni continuano a fare USA, Giappone,Gran Bretagna, i quali nonostante l'enorme debito pubblico continuano a sostenere le loro economie con iniezioni massicce di moneta stampata dalle loro banche centrali , ed usare il rigore sul lungo termine, esattamente il contrario di ciò che stiamo facendo su suggerimento della Merkel, questa è l'unica strada che ci porterà alla fame altro che debito finito...............

      Segnala come non appropriato

    Leggi Tutti i commenti

  • stefano1412stefano1412

    Pubblicato IL 21/12/2012, ORE 14:29

    Appassionato di attualità e politica

    Scopri di più

    Dicono bene ma non la dicono tutta. Ad esempio: " si prevede tuttavia una eventuale deroga alla regola generale del pareggio, stabilendo che possa consentirsi il ricorso all’indebitamento solo al fine di considerare gli effetti del ciclo economico e al verificarsi di eventi eccezionali, che possono consistere in gravi recessioni economiche; crisi finanziarie e gravi calamità naturali. Per circoscrivere e rendere effettivamente straordinario il ricorso a tale deroga, si dispone che il ricorso all'indebitamento connesso ad eventi eccezionali sia autorizzato con deliberazioni conformi delle due Camere sulla base di una procedura aggravata, che prevede un voto a maggioranza assoluta dei rispettivi componenti ". Inoltre non è una questione solo dello stato italiano ma anche degli altri paesi. Poi se come dicono gli amici di Maurizietto abbiamo un surplus attivo di bilancio dobbiamo solo spendere di più e risolviamo tutto. Non so per quale mulino tirano l'acqua ma sarà il caso di navigare tutti verso un'unica direzione, siamo tutti sulla stessa barca.

    10 commenti:

    • claudio1196claudio1196

      Pubblicato IL 22/12/2012, ORE 01:50

      Appassionato di

      Scopri di più

      Xstefano1412. Finalmente una cosa giusta l'ha detta a proposito del suo cervello. Probabilmente questa è una di quelle volte no, cosa significa essere paradossalmente democratici? Forse lei legge un libro fatto in casa e non mi interessa il suo colore politico come a lei non dovrebbe interessare il mio,oppure la sua democrazia distingue i buoni dai cattivi?nel suo discorso è tutta una contraddizione: mi dice che le casacche sono tutte uguali però lei non gradisce la mia, deve stare più attento a ciò che dice , in ogni caso sono dell'Italia anch'io e la mano gliela stringo lo stesso ma non sarò mai un suddito della Germania..............

      Segnala come non appropriato

    • stefano1412stefano1412

      Pubblicato IL 22/12/2012, ORE 09:22

      Appassionato di attualità e politica

      Scopri di più

      Mi sono riletto e non ho trovato contraddizioni. Anche per questo varrà il fatto di avere idee diverse. Comunque sia non mi pare di avere affermato di non gradire la sua idea politica. Anzi, addirittura penso non sia troppo lontano dalla mia. Solo che far credere che Monti, Ciampi ecc...ecc...siano di sinistra mi sembra follia. Però io amo la Germania ed il suo popolo, per la sua storia e per l'oggi, per il credo nello stato e per la loro onesta'. Di conseguenza un po' l'invidio. Questo non vuol assolutamente dire che accetterei mai di essere un loro suddito, cosa che rischiamo, ma mi piacerebbe essere un loro concittadino, ecco questo si. Ad altre occasioni. Prosit !

      Segnala come non appropriato

    Leggi Tutti i commenti

Hai la risposta giusta?

Domande per approfondire

Ti manca la risposta? Chiedi a Genio!

Chiedi a Genio