Travaglio a Servizio Pubblico: Italia fabbrica di alibi. Ha ragione? Come mai da Tangentopoli sono cambiati solo i nomi e la moneta?

Ieri sera ho assistito all'intervento di Travaglio a Servizio Pubblico sull'"Italia fabbrica di alibi" nel quale ha ripercorso 20 anni di corruzione in Italia. Ecco il video

L'argomento è stato trattato fino alla nausea e lo sanno anche i muri che l'Italia è un paese di politici corrotti ma il suo intervento è stato divertente e alcune riflessioni mi hanno fatto ridere.

 

Per esempio quando ha citato il caso Craxi che prima aveva definito Chiesa "mela marcia", e poi quando quest'ultimo è andato dai giudici a raccontargli come stavano le cose Craxi in Parlamento ha avuto il coraggio di dire "Qui rubano tutti" (tranne lui ovviamente): peccato che poi è scappato all'estero dopo che lo avevano condannato!

 

In 20 anni sono cambiati i protagonisti e la moneta ma in realtà scandali e corruzione ci sono ancora oggi come ieri. Che ne pensate? Che fine dovrebbero fare i politici corrotti? Il sistema giudiziario italiano non andrebbe completamente rivisto?

poetamaleficopoetamalefico

Pubblicata IL 23/03/2012, ORE 11:15 | Aggiornata IL 23/03/2012, ORE 11:56

Appassionato di

Scopri di più

Risposte  


  • Miglior Risposta

    loretta80loveloretta80love

    Pubblicato IL 23/03/2012, ORE 11:36

    Appassionato di

    Scopri di più

    Quando ho visto l'argomento della puntata di Servizio Pubblico ho pensato alla solita lagna su una storia di cui ormai non c'è più nulla da dire ma il monologo di Travaglio è stato divertente.

     

    Sentire gli alibi che usano i politici anche di fronte al fatto compiuto fa capire che loro sanno bene con chi hanno a che fare.

     

    Per esempio Travaglio ha citato il caso Moggi beccato mentre al telefono designava al telefono gli arbitri per la Juve e lui dice "Si ma telefonava anche l'Inter": il reato qui non è telefonare ma scegliersi gli arbitri

     

    Oppure il caso Scajola (a cui Anemone ha pagato una parte della casa in cui abita a sua insaputa) che si è dimesso dicendo che un ministro non può sospettare di abitare una abitazione pagata in parte da altri. Se uno ti paga parte di una casa e tu non lo sai è giusto andarlo a prendere e fargli un mazzo tanto! Scajola disse che avrebbe venduto la casa anche se non sapeva a chi restituire i soldi poichè non sapeva chi gliela aveva pagata. Beccato qualche mese fa ad uscire da quella casa lui dice che non si trovano compratori (è una casa maledetta!) e precisa che ci va solo per dormire: quindi sta lì solo 8 ore per la parte che ha pagato di tasca sua. E le altre 16 ore chi ci abita?

     

    La realtà è che all'estero i politici che rubano sono costretti a dimettersi o hanno il coraggio di farlo mentre in Italia anche se sei coinvolto in più processi contemporaneamente puoi restare tranquillamente al tuo posto e prenderti lo stipendio come se nulla fosse.

    1 commento:

  • maurizietto27maurizietto27

    Pubblicato IL 23/03/2012, ORE 11:25

    Appassionato di

    Scopri di più

    Ha ragione poetamalefico perchè negli ultimi 20 anni la corruzione nel nostro Paese non ha mai smesso di esserci anzi sono cambiati i nomi (Cusani, Scajola, Berlusconi, Penati...) e la moneta che ci ha portato all'attuale crisi finanziaria e da cui nessuno riesce a portarci fuori. Perchè non tornare alla moneta sovrana?

     

    L'intervento di Marco Travaglio è stato divertente un po' come assistere a Zelig. Gli esempi che ha portato fanno capire come nel nostro Paese passano due decadi e le ruberie continuano ad esserci anzi i protagonisti riescono a trovare giustificazioni degne di nota.

     

    Quelle che mi hanno fatto più ridere sono queste:

     

    • quando beccarono Patelli, tesoriere di Bossi, e proprio il leader della Lega lo considerò "un pirla" non tanto perchè aveva preso tangenti ma perchè si era fatto beccare. Bossi allora raccontò che i soldi (200 milioni delle vecchie lire) li aveva lasciati in un cassetto e poi sono passati i servizi segreti e li rubarono. Riuscì a raccogliere di nuovi i soldi tra i leghisti, a portarli ai magistrati ma fu processato lo stesso e condannato
    • quando hanno beccato i bonifici di Previti al giudice Squillante lui ha rassicurato la Bocassini dicendo che non era corruzione ma solo evasione fiscale: caso unico al mondo dove un imputato usa come alibi un altro reato che il giudice ancora non conosce! I giudici chiedono al Parlamento di poter procedere con l'arresto di Previti in quanto c'er il rischio di inquinamento delle prove ma la Camera si oppone con questa giustificazione "le prove contro di lui sono così tante che non riuscirebbe ad inquinarle tutte"

     

    La realtà dei fatti è che il caso "Mani pulite" non è mai finito e che non finirà mai. Purtroppo chi ci governa fa i suoi interessi e non i nostri di cui non gliene frega nulla.

    1 commento:

    • esmeralda553esmeralda553

      Pubblicato IL 23/03/2012, ORE 13:38

      Appassionato di

      Scopri di più

      questo è , che la moneta ci ha dato il colpo di grazia, pure prima c'erano corrotto i politici ma, con la lira se riusciva vivere , ora con l'euro non più , è finito tutto con questo euro la cosa si fa insopportabile.

      Segnala come non appropriato

  • anonimo-rom1anonimo-rom1

    Pubblicato IL 23/03/2012, ORE 12:20

    Appassionato di amore, giochi, politica, sport, viaggi

    Scopri di più

    La corruzione e l'evasione fiscale sono facce di una stessa moneta:quella cattolica. Sono i retaggi di secoli di sfruttamento e di nefandezze morali e sociali che hanno la loro vera "radice" nella presenza corrotta e devastante della chiesa. Da ciò discende non le "radici cristiane" ma l'involuzione degradante e misera che si è inserita nel DNA di un popolo che non merita la storia culturale e di conoscenze del Paese.

  • esmeralda553esmeralda553

    Pubblicato IL 23/03/2012, ORE 13:34

    Appassionato di

    Scopri di più

    questo è , che la moneta ci ha dato il colpo  di grazia. pure prima erano  corrotti  i politici   ma, con le  lire si riusciva a campare, ora è finito tutto con questo euro ,la cosa si fa insoportabile.

  • ciro387ciro387

    Pubblicato IL 23/03/2012, ORE 14:09

    Appassionato di

    Scopri di più

    come si licenzia uno che ruba un bulone si deve licenziare anche qualsiasi politico e via via...salviamo l"ITALIA...

  • Certo!!!!Tutti Dentro come diceva Alberto sordi nel celebre film....

  • dena67dena67

    Pubblicato IL 24/03/2012, ORE 09:47

    Appassionato di

    Scopri di più

    si io ho la risposta iusta poichè la colpa non è dei politici ma la colpa è tutta degli italiani che li viotano e che dopo 20 anni non hanno avuto il coraggio di non votarli loro sono li perche noi li votiamo non dimenticatelo

     
Hai la risposta giusta?

Ti manca la risposta? Chiedi a Genio!

Chiedi a Genio