Cancro ai polmoni, quali sono i campanelli d'allarme?

Cancro ai polmoni, quali sono i campanelli d'allarme? Il fumo è l'unico responsabile?

millemilesmillemiles

Pubblicata IL 20/03/2012, ORE 10:28 | Aggiornata IL 20/03/2012, ORE 10:30
4Leggi le risposte

Risposte Geniali

  • Miglior Risposta

    milkshake2milkshake2

    Pubblicato IL 20/03/2012, ORE 10:31

    Appassionato di geografia, viaggi

    Scopri di più

    Il cancro ai polmoni è una delle maggiori cause di morte a livello mondiale. Se siete fumatori fate attenzione ai campanelli d'allarme segnalati da Greenme

     

    1. Respiro corto Sintomo più facilmente sottovalutato, poiché viene frequentemente attribuito all'avanzare dell'età. Se ci si rende conto di non essere in più in grado di inspirare profondamente, si rende necessario sottoporsi ad un controllo apposito per verificarne le cause.

     

    2. Tosse cronica La comparsa apparentemente immotivata di una tosse fastidiosa e continua non deve essere sottovalutata, ancora di più nel caso siate dei fumatori o lo siate stati a lungo in passato.

    3. Mal di testa mattutino Svegliarsi al mattino con un fastidioso mal di testa potrebbe indicare che nel corso della notte, mentre dormite, i vostri polmoni non sono in grado di inspirare ed espirare l'aria abbastanza profondamente.

     

    4. Caviglie gonfie Caviglie e piedi gonfi potrebbero indicare che il vostro apparato circolatorio non sta ricevendo il corretto apporto di ossigeno necessario per il funzionamento degli organi verso cui il sangue viene condotto. Parliamo in particolare di fegato e reni, responsabili dell'espulsione di tossine e di liquidi in eccesso, che altrimenti si accumulano nell'organismo provocando gonfiori.

     

    5. Sonno disturbato Il cattivo funzionamento dei polmoni potrebbe condizionare il sonno. Se si necessita di più cuscini per poter respirare meglio o se si è colpiti da episodi di apnea è il caso di avvisare il medico.

     

    6. Torace a botte Tra i sintomi secondari della BPCO vi è un mutamento nella forma e nella postura del torace. A causa di un processo infiammatorio cronico, i polmoni si allargano e spingono il diaframma verso il basso, rendendone difficoltoso il funzionamento ed il corretto movimento nell'atto respiratorio. Coloro che ne sono colpiti, quando si trovano seduti, tentano inconsciamente di migliorare le proprie condizioni respiratorie, ad esempio inclinando il busto in avanti ed appoggiando le mani sulle ginocchia.

     

    7. Unghie e labbra bluastre Unghie e labbra possono essere interessate dal fenomeno della cianosi nel caso il livello di ossigeno trasportato dal sangue verso le estremità del nostro corpo sia sceso al di sotto della norma.

    1 commento:

  • 20-sept20-sept

    Pubblicato IL 23/03/2012, ORE 11:47

    Appassionato di

    Scopri di più

    non dimenticate la comparsa di ginecomastia negli uomini.

  • massimo7365massimo7365

    Pubblicato IL 20/03/2012, ORE 16:08

    Appassionato di

    Scopri di più

    Il respiro corto qualche volta in affanno e la tosse secca sono comuni anche per la sarcoidosi,malattia del sistema immunitario verso la quale c'é ancora troppa ignoranza.

    Fra l'altro a me cominciò a manifestarsi con problemi motori e contemporanea tosse secca.

    www.sarcoidosi.org

  • patapon1patapon1

    Pubblicato IL 20/03/2012, ORE 10:33

    Appassionato di amore e relazioni, marketing e pubblicità, musica, viaggi

    Scopri di più

    Il più importante fattore di rischio nel tumore del polmone è rappresentato dal fumo di sigaretta: esiste infatti un chiaro rapporto dose-effetto, e questo vale anche per il fumo passivo.

    Più si fuma maggiore è la probabilità di ammalarsi di carcinoma spinocellulare e di microcitoma.

    Il fumo di sigaretta contiene numerose sostanze che creano lesioni immediate o lente modificazioni a livello dei bronchi.

     

    Per fare un esempio, sono cancerogeni diretti gli idrocarburi aromatici policiclici (cioè i prodotti della combustione, tra cui il ben noto benzopirene) e le nitrosamine (derivati dell'ammoniaca usati nella lavorazione delle sigarette); invece i fenoli e le aldeidi (contenuti per esempio nella carta) si sono dimostrati fattori indiretti, cioè sono in grado, col tempo, di promuovere la trasformazione delle cellule in senso tumorale.

     

    Esistono poi altri cancerogeni chimici come l'amianto, il radon, i metalli pesanti, il catrame e gli oli minerali, che provocano il tumore del polmone.

    Fonte: Airc.it

Aiuto

Per informazioni e problemi relativi ai Servizi Community

Aiuto

Fai una domanda

Invia