Chi è il calciatore che ha segnato più goal?

Una semplice curiosità da appassionato di calcio. Sapete chi è che ha segnato più reti in tutta la sua carriera? Mi viene in mente Pelè ma forse non ha questo primato.

 

kiesettakiesetta

Pubblicata IL 26/11/2008, ORE 17:53

Appassionato di

Scopri di più

Risposte  


  • vaccamagravaccamagra

    Pubblicato IL 27/11/2008, ORE 11:16

    Appassionato di cucina, juventus

    Scopri di più

    Ciao!!!

    Sì é proprio "O'Rei" Pelé che con 1.281 reti in 1.363 partite é il recordman in assoluto di goals fatti in carriera!!!!!

    Se vuoi notizie sulla sua incredibile e fantastica carriera clicca qui.

    Buona giornata!!!Sorridente

    http://www.reportajes.org/wp-content/uploads/2006/02/pele.jpg

  • gerod841gerod841

    Pubblicato IL 16/06/2010, ORE 21:30

    Appassionato di

    Scopri di più

    chi ha segnato di piu' e' Artur Friedenreich, 1329 gol. Era un Brasiliano nato da padre Tedesco e madre del Brasile.

  • gerod841gerod841

    Pubblicato IL 16/06/2010, ORE 21:37

    Appassionato di

    Scopri di più

    Arthur Friedenreich: il più grande calciatore di tutti i tempi

    Arthur Friedenreich (San Paolo, Brasile, 18 luglio 1892 - 6 settembre 1969) è stato un calciatore brasiliano, forse il primo calciatore moderno brasiliano, sicuramente il più prolifico. Soprannominato La Tigre, Arthur era mulatto di padre tedesco e madre brasiliana.Nella sua carriera Friedenreich ha segnato 1.329 gol, il che farebbe di lui il più grande cannoniere della storia, superando anche il connazionale Pelè con 1.281 reti. Tuttavia non esistono statistiche ufficiali a confermarlo e inoltre alcune fonti riportano 1.239 gol, lasciando un dubbio su un probabile errore di trascrizione nell'indicare i 1.329 gol. Alcune fonti gli attribuiscono addirittura 1432 reti! La media di gol ufficiali a partita è di 0,98 (contro lo 0,92 di Pelè!!). Arthur ha vinto sei volte il Campionato Paulista e per 9 volte ne è stato il capocannoniere.Suberbo palleggiatore, era costretto ad esibirsi in dribbling, palleggi e scatti fenomenali nelle partite perché nei primi anni del Novecento, in Brasile non venivano sanzionati i falli sui giocatori di colore. Per apparire meno "mulatto" era solito giocare con una retina che teneva fermi i capelli schiacciati da abbondante brillantina, per renderli meno crespi.Si racconta che una volta, palleggiando per strada con una arancia, aveva evitato di essere investito da un camion continuando a palleggiare come se nulla fosse.Suo il gol della vittoria nel 1919 nella finale della Copa America contro il favorito Uruguay in una gara interminabile: segnò al 122 minuto, ovvero, nel secondo minuto del terzo tempo supplementare (dopo 120 minuti il risultato era ancora fermo sullo 0-0, così si decise di giocare altri due tempi supplementari!), portando alla gloria un Brasile che fino a quel momento era una potenza di secondo piano nel calcio Sudamericano (e tale rimase fino al 1958).

Hai la risposta giusta?

Ti manca la risposta? Chiedi a Genio!

Chiedi a Genio